Raptor Longe

Members
  • Content count

    1,423
  • Joined

  • Last visited

About Raptor Longe

  • Rank
    Sono il tuo sogno eretico...
  • Birthday 04/02/1985

Profile Information

  • Sesso
    Maschio
  • Città
    Palermo

Palmares

  • Palmares
    32939

Squadra del cuore

  • Squadra del cuore
    Palermo

Recent Profile Visitors

3,226 profile views
  1. Vediamo di continuare così. Continuo ad essere senza parole. In attacco semi nulli, per fortuna difensivamente siamo ottimi. Tabellino 21 Settembre. Bianchi: Mister, devo parlarle. Bruja: Dammi del tu, Rolando, sei più grande di me. Dimmi comunque. Bianchi: Ok, Karim, te lo dico chiaramente, non posso giocare così solo in attacco, sono sempre triplicato oramai, i centrocampisti non si inseriscono in tempo, e quando gioco con il trequartista, non mi da aiuto ma si limita spesso all'assist. Bruja: Si, stavo riflettendo su questa cosa. Mi sono preoccupato solo della fase difensiva, i primi risultati mi hanno illuso che tutto fosse perfetto, ma così non è. A questo punto proviamo un 4-4-2, facendoti giocare con un compagno d'attacco. Ok, il 4-4-2 funziona meglio. Ahahahaahahah! Doppio Brighi e ritorno a goal di Rolandone Bianchi. Tabellino
  2. Con un po' di giocatori non disponibili affronto il Bari a pochi giorni dall'ultima gara. Complice un Bianchi non al 100% (insieme a molti compagni stanchi), vinciamo "soltanto 2 a 1", subiamo infatti il primo goal in questa stagione da De Luca, che va a pareggiare la prima rete di Zebli (goal straordinario)... però il goal migliore della serata è quello nel finale di Nicastro, che ci da i tre punti (schierato centrocampista sinistro, ruolo che sto cercando di insegnargli per renderlo utile in questa stagione "forzata" con noi). Tabellino Partita "storta", in avanti metto Macheda (che uscirà pure per una botta, ma nulla di grave), ma i miei sono proprio spenti, ed a fine primo tempo subiamo goal sugli sviluppi di un calcio d'angolo. Metto dentro una formazione offensiva, e rischiamo anche di andare sotto di due reti, ma il rigore calciato da Rosina viene parato da uno straordinario Rosati. Il goal pareggio arriva soltanto all'89°, è Guberti a metterlo dentro su assist di Ricci. Tabellino Senza parole. I miei sembrano aver dimenticato dove si trova la porta. Tirano, ma tirano male e spesso fuori dallo specchio. Quando poi nell'unica occasione nitida ci troviamo di fronte uno dei migliori portieri della B, come Chichizola a fare il miracolo... Per lo meno otteniamo un altro punto avendo una difesa solida. In questo pallido 0 a 0. Tabellino Cinque giornate, questa è la classifica. Dopo un inizio bomba con tre vittorie di fila, i due pareggi ci fanno recuperare e persino superare. Ma è ancora troppo presto per dare un giudizio, non mi sento neppure di iniziare a stabilire le candidate alla promozione e quelle alla retrocessione... ci sono soltanto 12 punti fra la prima e l'ultima.
  3. Ahahahaahahhahahaahahaha! Prima della fine del calciomercato (e quindi dopo l'inizio del campionato), arrivano un paio di giovani prelevati da C e D (ho caricato la D), entrambi difensori, il primo è Filippo Forni, mentre il secondo è Filippo Massarelli. Sto seguendo una decina di ragazzi dai 17 ai 23 anni. Diciamo che ho preso quelli più piccoli, ma se ci sarà l'opportunità prenderò anche gli altri. Ho assunto ottimi osservatori e li ho mandati tutti in giro nei campionati minori. Andiamo al campionato. Abbiamo subito un po' di partite complesse,anche perché si andranno ad inserire (a partire dalla seconda), in un periodo di gare che si svolgeranno durante la partite delle nazionali (ah, la serie B...), la prima è contro il Frosinone, retrocesso dalla A e candidato serio alla promozione. Il 4-4-1-1 giocando in contropiede funziona. Ed il povero Frosinone è la prima vittima. Apre Brighi con un gran tiro, raddoppia Bianchi al 40° e chiudiamo il primo tempo sul 2 a 0. Nella ripresa passano due minuti e loro rimangono in 10, rendendo la nostra partita molto più facile. Ed al 77° Bianchi segna la sua seconda rete e chiudiamo la gara sul 3 a 0. Tabellino Il Cesena è un'altra delle candidate alla promozione, e la incontriamo solo 3 giorni dopo, il 30 Agosto... Rolando Bianchi vuole vincere la classifica marcatori, a quanto pare. Tripletta dal 6° al 28°, e la gara si chiude qui. Il Cesena è poco pericoloso e la mia difesa contiene bene i loro assalti. Drolé schierato titolare sulla fascia, serve 2 assist nei goal del Rolandone. Nella ripresa faccio giocare anche qualche giovane. Tabellino Sport Mediaset Partenza a razzo del Perugia, Bianchi 5 reti in due gare. I dubbi su Karim Bruja sembrano essersi dissipati in pochi giorni. Prima l'eliminazione della Samp in coppa Italia, poi la partenza a razzo con due vittorie per 3 a 0 contro due concorrenti per la promozione come il Frosinone ed il Cesena. Rolando Bianchi che segna 5 reti, ed una squadra che macina un calcio concreto, con una difesa forte (ancora 0 i goal subiti fra Coppa e Campionato) ed una manovra offensiva che esalta le capacità offensive di Bianchi (che ha anche segnato contro la Samp in coppa, ed è a quota 6 reti). Non è calcio spettacolo, ma è calcio da grande squadra. Il Mister Bruja ha comunque minimizzato "Siamo ancora all'inizio, non partiamo già ora con le lodi, che mancano 40 giornate alla fine". Rimane il fatto che questo Perugia sembra poter essere una candidata seria alla vittoria del campionato ed alla promozione in A.
  4. Scusate tutti la breve assenza, ma ho avuto pochissimo tempo per giocare, e metà l'ho impiegato per verificare alcune cose da ricercatore (visto che siamo in piena ricerca invernale) e l'altra metà per giocare... il problema è che quando io creo nuovi schemi, li verifico guardando l'intera gara, ed ho gestito tutte le amichevoli... quindi mettendo 30/40 minuti a gara, si fa pochissimo. La buona notizia è che ho finito in questo senso. E che ho giocato già due partite ufficiali, eccole qui. Inizio con il 4-4-1-1 contro una squadra inferiore di categoria. Schiero Macheda punta, e proprio lui segna il goal partita al 32°. Non mi hanno fatto impazzire i miei, ma il modulo è ancora in apprendimento, abbiamo fatto di meglio nelle amichevoli. Tabellini Ci sorteggiano contro la Sampdoria, quindi inserisco la miglior formazione possibile ed il 4-1-4-1 Ok, la Samp non schierava i titolari (mancano Muriel, Viviano e Quagliarella, tanto per fare un paio di nomi), ma la prestazione è sensazionale. Difensivamente abbiamo concesso poco e nulla (gli unici tiri li abbiam subiti quando per una ventina di minuti ho provato il 4-4-1-1), ha segnato al 42° Bianchi, ed ha raddoppiato nella ripresa Acampora (quando siamo passati al 4-4-1-1 per chiudere la gara) subentrato a Zebli. Al 67° abbiam mancato il 3 a 0 con il rigore parato a Bianchi da Tozzo. Tabellino Intervista di fine gara. Gazzetta dello Sport - Mister Bruja, buona sera. Un po' tutti sono rimasti sorpresi dalla sua assunzione come allenatore, eppure già sembra che stia mostrando con i fatti, che il presidente Santopadre ha avuto ragione, anche lei si aspettava un inizio così buono in Coppa Italia? Karim Bruja - Salve, guardi io prima di tutti sono rimasto sorpreso da questo incarico, credevo che il presidente scherzasse. Però mi sento in grado, questo si, alla fine credo che tutti abbiate già indagato sulla mia vita, quindi sapete già che sono un professionista e non uno preso dal mucchio. L'inizio in coppa Italia, beh, contro la Carrarese eravamo un po' impacciati, anche per i carichi di lavoro e gli schemi in apprendimento, ma già contro la Samp i miei ragazzi hanno dimostrato di aver capito bene cosa gli chiedo. Sono contento. Calciomercato.it - Mister Bruja, abbiamo visto che parla molto con Drolé in panca, come mai? Ha delle spiccate doti tattiche? Karim Bruja - No, non si tratta di questo. Ci conosciamo da un bel po', il ragazzo ha una storia simile alla mia, ha perso i genitori ed è scappato in Italia, sono un po' un padre adottivo per lui, oltre a Tutrone, la persona che si è preso cura di lui ai tempi della TF Palermo. Ma non per questo, ovviamente, lo favorisco. Ha del talento e sono sicuro che lo dimosterà quando sarà chiamato in causa. Corriere dello Sport - A proposito di Drolé, sia lui che Zebli sembrano aver l'interesse di alcune squadre importanti. Si sono visti degli osservatori delle squadre della Premier presenti sia allo stadio, che agli allenamenti. Cosa ne pensa. Karim Bruja - Sono nostri giocatori, e finché saranno con noi, saranno a nostra disposizione e lotteranno per questa maglia. Il loro futuro però dipende anche da loro. Spero che vorranno continuare con noi.
  5. Diciamo che a livello di difesa sono bello tranquillo, portiere e difensori sono di alto livello, è una difesa che potrebbe essere buona per una piccola di A. Il centrocampo mi sento apposto... per l'attacco, spero che cresca un po' Macheda, ma ho tanti giovani buonissimi... il Perugia è pienissimo di giovani.
  6. Arriva un altra offerta per un giocatore, ed anche questa volta non mi sento di rifiutarla. Saluto Monaco che va allo Spezia. Per sostituirlo... un altro Africano, che è cresciuto in Italia... e che farà il titolare accanto a Volta (con Chiosa in panca). Arriva Modibo Diakité!
  7. Aggiornamento notturno. < Mister, abbiamo ricevuto una buona offerta per Di Carmine e lo stiamo cedendo. > < Questo è un problema, mi serve una buona riserva, Bianchi non si può fare un campionato intero da titolare... > < Mister, forse ho un soggetto adatto, al momento è senza squadra, ma conosco il procuratore! > Fu così, che un altro ex emigrante... perché passò dall'Italia al Manchester United, si unisce al Perugia dei migranti (quanti giovani africani...). Federico Macheda.
  8. Su Drolé punterò parecchio per tutta la carriera, a prescindere dalla sua abilità. La sua storia è attinente alla carriera. http://www.gazzetta.it/calcio/nuove-forze-calcio/08-10-2015/junior-drole-migrante-ivoriano-perugia-tesseramento-bisoli-tf-palermo-130430771854.shtml?refresh_ce-cp
  9. Grazie anche a voi. Alla presentazione in squadra, in molti dei giocatori sono sorpresi. Nei primi allenamenti valuto varie opzioni, poi ritorno dal presidente Santopadre. < Non abbiamo bisogno di Dezi, lo lasci ritornare dal prestito. Inoltre un paio di ragazzi sono di troppo, iniziamo a fare qualche soldino, ed organizzi delle giornate di prova con gli svincolati, ho bisogno di gente di corsa in squadra. > <Idee già chiare Karim? > < Si, mi servono esterni difensivi ed offensivi, ed un giocatore di sostanza al centrocampo. > < Ok, ho deciso di fidarmi del tuo giudizio. Manderò un annuncio in lega. > Dopo tre giorni di provini, e la cessione di alcuni ragazzi che non riuscivo a tenere in rosa (Belmonte, Imparato e Buonaiuto), selezione dei giocatori utili alla causa. Fra cui alcuni africani... Il primo ad arrivare è Andrea Trainotti, difensore centrale o terzino sinistro di 22 anni, con alle spalle già delle stagioni da titolare in C. Sarà utile come riserva. Michele Cortinovis è invece un terzino sinistro proveniente dal vivaio dell'Albinoleffe, rimasto inaspettatamente svincolato a soli 20 anni. Me lo aggiudico con gioia, sarà molto utile e mi aspetto una buona crescita da un giocatore proveniente da uno dei migliori vivai nazionali. Joseph Asante è un ragazzo Ghanese di 19 anni, gioca terzino destro, e sarà aggregato per quest'anno alla primavera, sperando che venga su bene. Di Kevin Costant invece credo che non ci sia bisogno di presentazioni. Ha chiesto pure molto poco come stipendio per un giocatore con quel curriculum (meno di 300 mila euro), la fascia sinistra sarà sua. Come incontrista, ed elemento di fisico, trovo Granddi N'Goyi, che a parte il nome, è un buonissimo giocatore per la B, e può giocare sia al centrocampo, che in difesa (in casi di emergenza), il suo gioco aereo ci sarà utile. Infine come ultimo elemento, arriva l'esterno destro Giuseppe Zampano. Giocherà prevalentemente come centrocampista destro, ma lo sto adattando anche come terzino (dato che di base può giocare anche come fluidificante). [Movimenti di Mercato] Quindi inizio a presentare la rosa. In porta mi affido all'esperienza di Antonio Rosati, fisico imponente (in generale tutti i portieri che ho sono alti) e tanta gavetta alle spalle. Come riserve ho deciso di puntare sui ragazzini che ho in rosa, entrambi molto interessanti e sullo stesso livello. Alessandro Santopadre sarà quello che porterò più spesso in panca, ma la concorrenza di Jacopo Bartolelli si farà sicuramente sentire. Ho grandi aspettative per entrambi i ragazzi. In difesa sulla destra non c'è molta scelta, Lorenzo Del Prete si dovrà fare più partite possibili, almeno finché Giuseppe Zampano non si adatterà del tutto alla nuova posizione... alternativamente c'è il difensore centrale titolare Massimo Volta a poter fare il ruolo, ma principalmente giocherà sul centrodestra, la sua esperienza sarà utile a tutta la squadra. Al suo fianco giocherà Marco Chiosa, ne avrei fatto anche a meno (e se avessi potuto sciogliere il prestito l'avrei fatto), ma essendo per forza di cose in rosa quest'anno, lo utilizzerò come titolare, vista l'abilità. Dietro però in tanti scalpitano, a cominciare dal promettentissimo Gianluca Mancini, probabilmente il difensore più promettente della serie B, Salvatore Monaco è l'altra riserva, che allenerò tanto sulla velocità, altrimenti il campo lo vedrà solo dalla panca. Sarà più in tribuna Andrea Trainotti, che deve crescere un po' per essere utile veramente alla causa. A sinistra Masahudu Alhassan (che chiamerò Ally, per piacere) è in vantaggio su Gianluca Di Chiara, solo per la semplice motivazione che il secondo è in prestito, ma come abilità sono praticamente pari, in attesa di migliorare, Michele Cortinovis giocherà spesso con la primavera e si farà tanta tribuna. Il centrocampo dipenderà dal modulo con cui giocherò, ma sicuramente davanti alla difesa, a fare sostanza, ma anche regia da dietro (tecnicamente non è scarso), c'è Granddi N'goyi (a cui non voglio nemmeno trovare il soprannome XD), che potrebbe giocare anche nel modulo più offensivo. Di sicuro titolare al centro del campo ci sarà sempre l'esperto Matteo Brighi, accanto a lui si giocheranno il posto Pierre Zebli (quasi sicuro titolare nel modulo difensivo), Ivoriano di corsa e sostanza, Gennaro Acampora (giocare più tecnico, ma in prestito), Matteo Ricci, che sarà sicuramente titolare come trequartista nel modulo difensivo, più dietro il Camerunese Didiba Joss, che giocherà principalmente con la primavera. Sulla destra giocherà, anche se non è il suo ruolo naturale, Stefano Guberti, giocatore con più qualità della rosa, ed elemento fondamentale anche per l'esperienza, mentre di pari livello, a sinistra ci sarà Kevin Costant, che potrà anche essere utilizzato in emergenza al centro del campo. Le riserve dei due (a parte i terzini che possono giocare esterni, tipo Zampano) sono dei giovani interessanti, a destra c'è Jean Armel Drolè, che di base è un attaccante/ala, ma che sarà adattato a centrocampo date le incredibili qualità in velocità e fisiche, più il giovanissimo Federico Buzzi, a sinistra le riserve principali saranno i due terzini che sanno giocare nel ruolo, più il giovane Brasiliano Fernando Cherbassi. Di punta il titolare è sicuramente Rolando Bianchi, esperta punta che fa a caso nostro nel modulo, Samuel Di Carmine si giocherà il posto, e sarà sicuramente utile come riserva del centravanti, il giovane Sylvain Mirval dovrà crescere parecchio per essere schierato (fisicamente è impressionante, tecnicamente c'è tanto da lavorare). Gli altri giocatori che elencherò... un paio di loro li avrei volentieri rispediti indietro se avessi potuto, ma non è possibile farlo, quindi saranno sicuramente delle riserve, magari utili cambiando modulo (magari utilizzando il terzo modulo), o in situazioni di emergenza. Francesco Nicastro è quello a cui non riesco a dare proprio una utilità, è più una ala o seconda punta. Mentre per Alexis Zapata e Victor Da Silva, si potrà trovare spazio quando giocherò con un 4-4-1-1 nel ruolo di trequartista (Ricci permettendo).
  10. Benvenuti a tutti. Ecco le tattiche che utilizzerò. La prima è un 4-1-4-1 molto chiuso che utilizzerò contro le squadre più forti, ed in generale a seconda del modulo avversario. La seconda è un 4-4-1-1 chiuso anche questo, che utilizzerò contro quelle più deboli ed a seconda del modulo avversario. La terza già la conoscete, è il 4-1-2-2-1 controllo, che insegnerò, ma non utilizzerò, se non in situazioni particolari.
  11. Dopo mesi nei centri di accoglienza, mi fu riconosciuto lo stato di rifugiato politico e finì a Perugia. Le condizioni erano terribili, ci lasciavano al freddo, non avevamo quasi nulla se non il pasto caldo e la compagnia fra esseri umani. Feci amicizia con alcuni ragazzi africani, io avevo conoscenze della lingua Italiana, dovute ai miei studi in Libia, e facevo da traduttore per i ragazzi provenienti dal mio paese. In breve tempo, divenne il mio mestiere. Mi facevano viaggiare spesso e volentieri, per fare da tramite attraverso la mia conoscenza delle lingue, con gli immigrati che non parlavano altra lingua se non l'arabo. Però tornavo spesso a Perugia, avevo deciso di vivere e stabilirmi lì, certo era difficile campare, ma stringendomi con altre persone in case non molto accoglienti, riuscivo per lo meno a lavarmi frequentemente ed avevo un tetto sopra la testa. Era oramai il 2013. A metà di quell'anno fui chiamato dalla società di calcio locale. Erano arrivati un po' di giovani in prova di cui alcuni che parlavano arabo, ed avevano bisogno di un traduttore. Iniziarono a chiamarmi più spesso, fin quando quasi per caso, mentre ero nei campi di allenamento, in compagnia dei ragazzi a me affidati, ci diedero un pallone in attesa dell'arrivo dello staff societario che doveva valutarli. Fu piacevole scoprire che nonostante tutti quegli anni senza toccare palla, avessi ancora un ottimo controllo di palla, anche se non potevo muovermi granché bene, con la gamba non del tutto a posto, ero praticamente al livello dei giovani calciatori, palleggiammo per un po' di minuti... < Mi sembri troppo grande per essere uno dei ragazzi in prova > era Cristiano Lucarelli a Parlare, allora allenatore della squadra. Mi fermai all'istante, per andargli a stringere la mano e presentandomi. < Sicuro che sei il traduttore? Mi sembra che te la cavi parecchio con la palla. Quasi quasi ti prendo in squadra! > disse ridendo. Dopo aver svolto il mio lavoro, mi invitò a prendere una birra insieme ai ragazzi scelti ed al resto della squadra. Ovviamente gli servivo per comunicare con loro. Era da tempo che non bevevo, e la mia lingua quando mi ubriaco diventa troppo lunga... So soltanto che gli raccontai per intero la mia storia, e che il giorno dopo, senza capire come, mi trovai in staff nel Perugia primavera, con un contratto come preparatore/traduttore. Andai a vivere in una casa migliore, il mio stipendio era di 25 mila euro annui. Qualche giorno dopo Lucarelli andò via, e Camplone divenne il nuovo mister. Conobbi il presidente Santopadre molto presto e mi sembrò subito una persona intelligente. Si faceva vedere presto ai campi di allenamento, ed era nostra abitudine discutere di calcio, sapeva della mia storia, e sapeva che ero stato prossimo a diventare un allenatore professionista. Scherzando mi diceva < Un giorno darò la squadra in mano a te. > Credevo scherzasse. Ma a Giugno 2016, ci fu veramente la chiamata. < Karim, do la squadra in mano a te. >
  12. @jefftribou Per favore puoi chiuderla? Grazie ancora. =)
  13. Sono cresciuto in Libia, in una famiglia musulmana. I Bruja era una famiglia di quelle favorite dal regime di Gheddafi, mio padre era uno dei rivoluzionari che lo aiutarono nell'ascesa al potere... io sono il figlio più piccolo, Karim. Conobbi il figlio Saadi Gheddafi, che sarebbe diventato poi un calciatore, arrivando anche a giocare in A nel Perugia e nell'Udinese, quando ero un bambino. Ci toglievamo 11 anni, lui era alto, ed amava il calcio. Sembrava veramente forte per me, mi sembrava strano, che una persona così ricca e piena di potere, potesse amare così tanto uno sport, fregandosene spesso della vita agiata che aveva. Quando era ragazzo buttava il sangue per allenarsi, voleva rifiutare forse il suo destino di "figlio del capo", voleva essere ricordato come calciatore. Purtroppo però non aveva talento. O meglio, non aveva il mio di talento. Quando lui aveva 25 anni, ed io ne avevo 14, in un allenamento lo superai in dribbling, facendogli un tunnel. Lui sorrise, qualcuno che guardava no. Mi fu spezzata una gamba il giorno dopo. Mi presero in un agguato, mi misero un cappuccio in testa, e poi un dolore atroce all'altezza del ginocchio. Sentì correre e mi tolsi il cappuccio, degli adulti correvano e la mia gamba... mi vengono ancora i brividi oggi, a pensarci. I soccorsi arrivarono stranamente presto, fui operato d'urgenza dai medici dei Gheddafi, mi salvarono la gamba. Ma non potevo più giocare a calcio. Superato il trauma, iniziai a studiare per diventare allenatore. Soltanto qualche anno fa, mi è stato chiaro chi ci fosse dietro al mio infortunio, quando lui fece uccidere un calciatore. Ora è in carcere e viene torturato e sarà prima o poi condannato a morte. Nel 2008 arrivò la prima opportunità, allenavo i ragazzini dell' Al-Ahly Bengasi, squadra della città dove sono nato. Una squadra storica, che ha vinto 4 titoli del campionato Libico. L'ultimo nel 1992. Nel 2011 avrei dovuto allenare io la prima squadra. Ma poi scoppiò la rivoluzione, che rivoluzione non era. I Gheddafi finché erano comodi, non venivano toccati, ma poi non furono più comodi, negli anni precedenti stavano iniziando a fare un certo tipo di riforme, si erano eliminati i tribunali speciali, si pensava alla cancellazione della pena di morte, si volevano fare alcune riforme che avrebbero trasformato il regime in qualcosa di diverso, qualcosa di simile a quello che era successo in Siria con Assad. Mio padre morì, io scappai. Presi alcuni dei soldi stranieri che avevo, era qualche migliaio di dollari. Mangiai quasi nulla per giorni, fui costretto a rubare del cibo nelle città devastate dalla guerra, non so nemmeno come riuscii a sopravvivere Salì su un barcone, dando quasi tutti i soldi che avevo. Vidi morire tante persone, tutte sconosciute. Poi arrivai in Italia, stanco, magro e con il dolore nel cuore. Rinnegai il mio Dio, rinnegai Allah, erano morti tutti quelli che amavo e non sapevo cosa fare della mia vita, in un paese straniero.
  14. Mi sono dato del tempo per leggerle, quindi ecco la mia lista. 1) Arriveremo in Champions League di @Matteo. 2) Top Level di @jefftribou 3) Romania mia, Romania in fiore... di @THEGLADIATOR Io ho chiuso la carriera, quindi chi mi ha votato, può anche votare altri. Parlo con: @Scud87, @Matteo. e @masu85. Grazie comunque del voto. Ne aprirò sicuramente un'altra a breve, quindi continuate a seguirmi. =)