Kenzo993

4-3-3 Napoli Sarri

16 posts in this topic

el06ZPd.png

 

4-3-3 SARRI 

Non vincerà quest'anno lo Scudetto, se la giocherà fino in fondo per conquistare un secondo posto comunque prezioso. "Del secondo non se ne ricorda nessuno", frase piuttosto abusata nel mondo dello sport e nel calcio in particolare. Questo assunto di base non può essere vero, perché oltre all'interpretazione del gioco, alla bellezza dell'idea di calcio che sostiene una squadra, ci sono i numeri a corroborare la "Grande Bellezza" di un Napoli, quello di Sarri, che difficilmente uscirà dagli occhi e dalla mente di tifosi e addetti ai lavori. Sarri ha un gioco che ha stupito tutti. Con l'Empoli ha fatto un ottimo lavoro, le sue squadre sono molto aggressive nella fase di non possesso e sanno difendere con tutti e tre i reparti sempre molto vicini. La sua difesa sa accorciare molto bene per poi scappare all'indietro senza mai concedere la profondità agli avversari. Andiamo ad analizzare il suo 4-3-3:

Il Napoli gioca un calcio semplice, ma molto organizzato, capace di imporre il proprio ritmo a qualsiasi avversario, e di sfruttarne i punti deboli. Il Napoli fa del pressing organizzato la sua arma principale in fase di non possesso che però se non applicato correttamente rischia di concedere agli avversari ampi spazi da attaccare. L'enorme organizzazione del pressing partenopeo è dimostrata da dati statistici molto interessanti: il Napoli infatti è la squadra con meno contrasti tentati della serie A 23.2 ed anche la meno fallosa 10.2, un dato che conferma la mano dell'allenatore che mette alla base la cultura del lavoro e non solo la fase spettacolare e offensiva del calcio, che inoltre è quella che perde meno palloni in serie A con una media 10.4 e che la identifica come una squadra che fa del gioco di possesso palla la sua arma principale, come si evidenzia dalla media di 667.5 passaggi a partita. Una delle armi in più del Napoli è sicuramente il trio di centrocampo con l'allenatore che è riuscito ad esaltarne la migliore caratteristica: la dinamicità. Cerniera e baricentro della squadra è Jorginho ( in turnover con Diawara) che unisce un ottimo senso della fase difensiva ad una fase costruzione di grande qualità. Proprio la dinamicità del centrocampo permette agli esterni alti di interpretare bene le due fasi di gioco, agendo da centrocampisti esterni in fase di non possesso....Mertens in arretramento permette aggressività e transizioni veloci con gli esterni che diventano protagonisti nell'uno contro uno. In fase di pressing invece sono i due interni di centrocampo che si alzano accanto a Mertens per consentire ai due esterni alti di abbassarsi a riformare la linea di centrocampo:

FE9bfU5.png

In fase offensiva il Napoli si affida principalmente a schemi giocati a memoria e in velocità. Ghoulam è più offensivo rispetto al terzino destro e la sua sovrapposizione porta ad una serie di movimenti collegati tra loro: Insigne dotato di libertà di movimento si accentra molto, Hamsyk si limita a fornire un appoggio sicuro alla catena Ghoulam-Insigne, Mertens alterna movimenti incontro a movimenti in profondità mentre Callejon dal lato opposto è pronto per l'inserimento alle spalle della difesa:

c8p9YU5.png

Quando invece l'attacco è sulla fascia destra con palla su Allan: Hamsyk si alza andando a prendere quasi una posizione da trequartista pronto per ricevere un passaggio o provare l'inserimento, Insigne si accentra andando a giocare vicino a Mertens mentre il belga alterna movimenti verso la palla a movimenti in profondità, Jorginho mantiene la posizione fornendo un appoggio al portatore di palla ( in questo caso la mezz'ala destra ) e Hysay tenta la sovrapposizione con Callejon che può decidere tra l'andare verso la palla, fornire un appoggio al terzino destro in sovrapposizione o buttarsi nello spazio:

NCJL96r.png

Spoiler

oS4rYQe.png

In fase difensiva i principi restano gli stessi del 4-3-1-2 usato ad Empoli :

-Aggredire la prima costruzione del gioco avversaria, impostando un pressing offensivo.

-Blocco ad altezza media (alto quando la palla è nella metà campo avversaria) molto compatto con corrette distanze settoriali ed intersettoriali.

-Corretta applicazione dell’elastico difensivo

-Mantenimento della struttura 4+1 (reparto difensivo + Diawara)

MODULO E IMPOSTAZIONI SQUADRA:

HmqR9hn.png

4YsPgzu.png

VERSIONE V2:

Alcune piccole modifiche in questa nuova versione della tattica per permettere una resa in game della tattica ancora più realistica della precedente versione.

-Modificata l'ampiezza

-Assegnato agli esterni di giocare più stretto in modo da fornire più appoggio alla punta (nel caso in cui si giochi con un attaccante alla higuain però è possibile togliere questa istruzione ad entrambi)

-Tolto più pressing al terzino destro, sostituendolo con contrasti più duri, e al centrocampista di sinistra, creando una migliore sinergia con il terzino sinistro nella fase di pressing

-Incoraggiato il centrocampista centrale di sinistra a tentare passaggi difficili per replicare meglio il ruolo di Hamsik e tolta la spunta dribbla di meno al centrocampista di destra in quanto sia Allan che Zielinsky che Rog cercano sempre di saltare almeno un uomo ( Quindi è preferibile sulla sinistra un giocatore più tecnico che sia capace di servire di prima i compagni senza perdere troppo tempo in dribbling )

-Assegnato all'attaccante di sinistra di crossare sul secondo palo quando deve ( Insigne per Callejon ) 

Altri minimi accorgimenti nelle istruzioni individuali....Nel Download sono presenti entrambe le versioni della tattica

 

 

 

DOWNLOAD

Edited by Kenzo993

Share this post


Link to post
Share on other sites

Bel lavoro Kenzo, bravo! :) L'unica cosa che mi fa pensare è l'esterno offensivo settato come attaccante esterno/sostenere, quando secondo la mia visione dello schema di Sarri Callejon è un'ala pura, che tende però spesso ad accentrarsi senza palla. E' una scelta voluta per la resa su FM o pensi davvero che Callejon sia più vicino come caratteristiche ad un attaccante esterno? 

Share this post


Link to post
Share on other sites
2 ore fa, Dave1990 dice:

Bel lavoro Kenzo, bravo! :) L'unica cosa che mi fa pensare è l'esterno offensivo settato come attaccante esterno/sostenere, quando secondo la mia visione dello schema di Sarri Callejon è un'ala pura, che tende però spesso ad accentrarsi senza palla. E' una scelta voluta per la resa su FM o pensi davvero che Callejon sia più vicino come caratteristiche ad un attaccante esterno? 

È una scelta voluta perché quest'anno con l'infortunio di Milik e il conseguente adattamento di mertens a prima punta Sarri ha rivisto un po' il gioco dei tre là davanti, in modo da farli giocare più vicini per favorire gli scambi stretti. Per chi invece vorrebbe usare una punta vera invece può lasciare il ruolo di attaccante completo invariato e provare l'attaccante destro come ala a supporto con istruzione vai avanti appena possibile 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ciao, bella tattica, come base molto simile al tuo 4-3-1-2 che sto provando in un'altra carriera con ottimi risultati...ora però sto iniziando una carriera con il Sassuolo che mi sembra avere la rosa che ben si sposa al 4-3-3, ti faccio sapere come va' .

PS: nell'altra carriera che sto facendo, insieme al tuo 4-3-1-2 sto facendo apprendere l'albero e Natale di Dave che mi sembrano 2 tattiche quasi sovrapponibili come uomini...esperimento di cui vi mostrerò qualcosa se gira  

Edited by Bigphil

Share this post


Link to post
Share on other sites

La tattica è indubbiamente molto ben congegnata, però io per una maggiore fedeltà stringerei l'ampiezza, il Napoli orizzontalmente è molto compatto e non attacca mai l'ampiezza, piuttosto crea densità in zona palla, sia in fase offensiva che difensiva.

 

Poi una domanda: come mai hai scelto il contropiede come tattica? Il Napoli è la prima squadra della Serie A per possesso medio, nonostante adesso con Mertens abbia aumentato la trazione verticale non credi che quella del Napoli sia più una tattica di controllo che una di ripartenze?

 

Poi avrei la curiosità di vedere le impostazioni individuali. Dato che i settaggi generali sono "simmetrici" credo tu abbia reso l'asimmetria del Napoli con le istruzioni individuali, il Napoli crea la stragrande maggioranza del proprio gioco sulla catena di sinistra e senza uno "sfruttate la fascia sinistra" e con impostazioni simmetriche, sono curioso di capire come hai fatto a trasportare questa caratteristica in game.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Il 8/4/2017 at 17:30, Carlone Rotolone dice:

La tattica è indubbiamente molto ben congegnata, però io per una maggiore fedeltà stringerei l'ampiezza, il Napoli orizzontalmente è molto compatto e non attacca mai l'ampiezza, piuttosto crea densità in zona palla, sia in fase offensiva che difensiva.

 

Poi una domanda: come mai hai scelto il contropiede come tattica? Il Napoli è la prima squadra della Serie A per possesso medio, nonostante adesso con Mertens abbia aumentato la trazione verticale non credi che quella del Napoli sia più una tattica di controllo che una di ripartenze?

 

Poi avrei la curiosità di vedere le impostazioni individuali. Dato che i settaggi generali sono "simmetrici" credo tu abbia reso l'asimmetria del Napoli con le istruzioni individuali, il Napoli crea la stragrande maggioranza del proprio gioco sulla catena di sinistra e senza uno "sfruttate la fascia sinistra" e con impostazioni simmetriche, sono curioso di capire come hai fatto a trasportare questa caratteristica in game.

ciao allora ti spiego subito: abbastanza larga è una conseguenze della mentalità contropiede in quanto questa ti stringe già molto la squadra quindi diciamo che è " come se mettessi abbastanza stretta o equilibrata" in mentalità controllo. Per quanto riguarda la mentalità contropiede non farti ingannare dalla dicitura del gioco perchè questa è una tattica che mira ad imporre il proprio gioco in qualsiasi partita non a caso ho sempre avuta la media a fine campionato dal 60% in poi di possesso palla e stracciando gli avversari anche nel numero di passaggi tentati e realizzati proprio come il Napoli di Sarri. La scelta della mentalità contropiede nel gioco mi permette di avere una migliore compattezza in fase di non possesso sia nel primo pressing che con il suo superamento da parte degli avversari e mi ha permesso di plasmare in modo abbastanza efficace i movimenti della linea difensiva quando c'è il superamento del centrocampo. Altro dato che tengo a sottolineare è che la palla si recupero per lo più in modo pulito senza commettere falli a sottolineare l'efficacia dei movimenti coordinati in fase di pressing che permette di lavorare su linee di anticipo. L'asimmetria si l'ho resa con le impostazioni individuali e mi sembra abbastanza riuscita come puoi vedere anche dagli screen che ho pubblicato, poi quando la proverai mi dirai. 

Edited by Kenzo993

Share this post


Link to post
Share on other sites
Il 6/4/2017 at 12:17, Dave1990 dice:

Bel lavoro Kenzo, bravo! :) L'unica cosa che mi fa pensare è l'esterno offensivo settato come attaccante esterno/sostenere, quando secondo la mia visione dello schema di Sarri Callejon è un'ala pura, che tende però spesso ad accentrarsi senza palla. E' una scelta voluta per la resa su FM o pensi davvero che Callejon sia più vicino come caratteristiche ad un attaccante esterno? 

Dave mi piacerebbe chiedere il test della tattica. Grazie mille

Share this post


Link to post
Share on other sites
2 ore fa, Kenzo993 dice:

ciao allora ti spiego subito: abbastanza larga è una conseguenze della mentalità contropiede in quanto questa ti stringe già molto la squadra quindi diciamo che è " come se mettessi abbastanza stretta o equilibrata" in mentalità controllo. Per quanto riguarda la mentalità contropiede non farti ingannare dalla dicitura del gioco perchè questa è una tattica che mira ad imporre il proprio gioco in qualsiasi partita non a caso ho sempre avuta la media a fine campionato dal 60% in poi di possesso palla e stracciando gli avversari anche nel numero di passaggi tentati e realizzati proprio come il Napoli di Sarri. La scelta della mentalità contropiede nel gioco mi permette di avere una migliore compattezza in fase di non possesso sia nel primo pressing che con il suo superamento da parte degli avversari e mi ha permesso di plasmare in modo abbastanza efficace i movimenti della linea difensiva quando c'è il superamento del centrocampo. Altro dato che tengo a sottolineare è che la palla si recupero per lo più in modo pulito senza commettere falli a sottolineare l'efficacia dei movimenti coordinati in fase di pressing che permette di lavorare su linee di anticipo. L'asimmetria si l'ho resa con le impostazioni individuali e mi sembra abbastanza riuscita come puoi vedere anche dagli screen che ho pubblicato, poi quando la proverai mi dirai. 

In effetti il Napoli attacca in verticale e di prima, svuotando l'area per attaccarla in corsa. Se sei riuscito a rendere questo senza rinunciare al possesso hai fatto una gran cosa, complimenti. Non sospettavo neanche che una tattica di contropiede potesse poi imporre il possesso.

Io non penso che proverò la tattica, perché la mia Juve Stabia è costruita in modo molto particolare (= uso una tattica asimmetrica e al momento non ho nessun'ala sinistra), oltretutto mi sta dando parecchie soddisfazioni e, un po' come Sarri, sono sempre restio a stravolgere in corsa le cose che funzionano.

 

Però ho molta curiosità anche io di vederla funzionare.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Resoconto Finale Tester:
 
Precisazione necessaria prima di cominciare è che la tattica è stata analizzata utilizzando un metodo di analisi testato. La raccolta dati è iniziata solo dopo un apprendimento della tattica pari al 100% [grazie all'editor in game] e analizzata per 10 match; è inoltre garantita la massima trasparenza, lasciando inalterati tutti i settaggi e ignorando le indicazioni pre-partita, al fine di testare la tattica in maniera pura e senza contaminazioni personali.

Squadra utilizzata: Napoli
Andamento: 10 gare [7V, 3P, 0S]

 8TYXBMn.jpg

Edw7NoD.jpg

 

Analisi delle Partite
 
Primo tempo a San Siro da dimenticare e siamo sotto, poi passo alla mentalità controllo e nel secondo tempo è dominio con pure un rigore sbagliato da Milik, Callejon limita i danni pareggiando al 90'. Contro il Chievo si vince in scioltezza prima del pokerissimo di Firenze (è abitudine, pure con il 4-3-1-2 stesso risultato .asd). Nell'esordio in Champions contro il Villarreal veniamo raggiunti al 92' dopo una doppietta da piazzato di Koulibaly, ci consoliamo con 9 gol in 2 partite alle malcapitate Bologna e Pescara. Contro il Sassuolo che è in 10 dall'11° minuto subiamo inspiegabilmente 2 gol a fine primo tempo, per fortuna nell'ultimo quarto d'ora arriva il colpo del neo-entrato Mertens e poi il pareggio di Milik sempre su assist del belga. Concludiamo con un bel poker ad Istanbul, con un 3-0 a Bergamo aiutati da un'espulsione di Kessié e con uno striminzito 1-0 casalingo contro una sempre ostica Lazio.
 
[Attacco: Voto 8/ Manovra Offensiva: Voto 8]
10 partite giocate in totale. 29 gol fatti. Media di 2.9 goal a partita.
 
Quasi 3 gol a partita parlano chiaro, la fase offensiva funziona, eccome se funziona. La cosa più bella da vedere sono le imbucate degli attaccanti esterni per la punta o per l'inserimento delle due mezzali, che approfittano spesso del pressing errato avversario per trovare lo spazio giusto all'inserimento. A volte però, si abusa troppo del tiro da fuori, unica pecca che però col Napoli è stata compensata da una grande quantità di gol dalla distanza, soprattutto di Hamsik e Zielinski. Non si abusa dei cross ed è un altro punto a favore della tattica. 

[Difesa: Voto 8/ Manovra Difensiva: Voto 7,5]
10 partite giocate in totale. 6 gol subiti. Media di 0.6 goal a partita.
 
I maggiori rischi arrivano sulle transizioni avversarie e si subisce quasi sempre da lancio lungo o dopo un cross, come gli ultimi FM insegnano. (cit.) .asd L'impianto difensivo è lo stesso che funziona e bene nel 4-3-1-2, ma rimane ancora più efficace in quanto si coprono ancora meglio le avanzate dei terzini avversari avendo comunque delle ali che le contrastano. Non mi convince al 100% soltanto la fase difensiva in presenza di un trequartista, infatti col Milan che è l'unica squadra che ha usato il TC c'è stata una sofferenza eccessiva. 
 
 
Conclusioni e consigli
 
Tattica che è piacevole sia dal punto di vista dei risultati che soprattutto per quello che ho potuto notare in campo. Tentare di replicare fedelmente il gioco del Napoli di Sarri era molto complicato, ma l'intento direi che è riuscito quasi alla perfezione. L'unico appunto che mi sento di apporre riguardo all'emulazione della tattica reale è il comportamento del terzino sinistro, che nella realtà con Ghoulam è molto più offensivo rispetto a questa tattica, ma si tratta di frivolezze. Complimenti a @Kenzo993 per il suo prodotto! :D 
 

[Voto Finale: 8]
 
Esito: Promossa

Tester: Dave1990

Share this post


Link to post
Share on other sites

Salve a tutti, una curiosità su questa tattica. Premetto che non l ho provata ancora, volevo chiedere come mai il portiere non è settato su portiere-libero, visto che Reina è sempre molto fuori dai pali ed è, molto spesso, colui che inizia la manovra

Share this post


Link to post
Share on other sites
3 ore fa, Hernatok dice:

Salve!

Essendo presenti due versioni della tattica vorrei sapere su quale di queste è stato effettuato il test?

Ciao, il test è stato effettuato con la prima versione. 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!


Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.


Sign In Now