Sign in to follow this  
una striscia

Guida alle istruzioni di squadra

Recommended Posts

PREMESSA

 

 


Questa guida è pensata per tutti coloro che vogliono approfondire ulteriormente le proprie
conoscenze nel comparto tattico di Football Manager.
Tratteremo in particolare quelle numerose istruzioni che unite tra loro vanno a delineare la
nostra filosofia di gioco, il modo di intendere il calcio, le istruzioni di squadra sono la base
della costruzione tattica. Non esistono istruzioni più giuste o sbagliate, ogni abbinamento
può risultare corretto perchè parte della filosofia tattica personale di ognuno di noi, i consigli
che nel percorso di lettura verranno dati servono solo ad evitare errori banali di concetto,
dopodichè ognuno potrà prenderne spunto per sviluppare la propria visione del calcio nei
limiti che ci consente il gioco.
Essere creativi è spesso la chiave per fare tattiche vincenti
Nella stesura della guida cercherò di essere il più chiaro e imparziale possibile, tenendo si
fede ai termini usati dal gioco ma cercando di spiegarli attraverso un linguaggio più comune
nel mondo tattico, per una lettura, si spera, più scorrevole.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Mentalità e disposizione

 

 


In questa prima parte tratteremo la mentalità e la disposizione in campo, indicazioni spesso e
volentieri fraintese o poco comprensibili, ma che rappresentano il primo passo nella
costruzione della filosofia di gioco della squadra.
Ricordo che la guida non insegna come dovrete settarle per il vostro modulo, anche perché
nel calcio non c'è niente di giusto o sbagliato, ma solo filosofie di gioco differenti. L'intento è
quello di offrire una panoramica chiara e comprensibile sul significato di ogni singola
istruzione che voi andrete a modificare nel corso della vostra esperienza con FM, a partire
proprio dalle fondamenta per poi andare a costruire passo dopo passo l'insieme.

 


Mentalità

 


Una volta determinata la formazione da schierare e il modulo con cui farlo, ogni manager
virtuale si trova a dover scegliere la mentalità da dare alla propria squadra. Per mentalità
intendiamo l'approccio della squadra, che può essere più offensivo o più difensivo, votato al
contropiede o al possesso palla, catenacciaro o spregiudicato e via dicendo. E' una scelta
fondamentale e da prendere subito, perché andrà ad influenzare tutte le altre istruzioni che
darete alla vostra squadra.
Football Manager ci da la possibilità di scegliere fra 7 mentalità di gioco differenti, ognuna
con le sue caratteristiche specifiche. Andiamole a vedere partendo dalla più difensiva fino ad
arrivare all'estremo opposto.

 


Contenimento

 


Il Contenimento è la mentalità più difensiva che ci mette a disposizione Football Manager.
Nel calcio reale può essere paragonato all'atteggiamento delle squadre negli ultimi minuti di
una partita che stanno vincendo di misura, cercando in ogni modo di perdere tempo. E'
quindi una mentalità estrema che non prevede la ripartenza per andare a segnare, la squadra
cercherà solamente di sprecare più tempo possibile, tenendo il pallone, rallentando il ritmo e
cercando di negare ogni spazio agli avversari. Dato che il possesso palla e il frustrare
l'avversario attraverso la perdita di tempo sono le priorità, più giocatori del solito si
manterranno dietro la linea della palla, per cercare di rischiare il meno possibile spazzando il
pallone quando serve.
E' consigliato utilizzare la mentalità di Contenimento sopratutto a partita in corso e per
difendere un risultato, impostarla dall'inizio è controproducente in quanto non permette
alcuna soluzione offensiva, se non in maniera completamente casuale.

 

Difensiva

 


La mentalità Difensiva è indicata quando la propria squadra è palesemente sfavorita. Nel
calcio reale può essere paragonata alla mentalità che userebbe una piccola squadra di Serie
B/Lega Pro che si ritrova ad affrontare una big di Serie A in Coppa Italia. E' quindi consigliata
quando ci si aspetta di soffrire molto con un dominio praticamente totale dell'avversario. La
squadra con questa mentalità restringerà gli spazi nella propria metà campo portando molti
giocatori dietro la linea del pallone, inoltre cercherà spesso le perdite di tempo per far
innervosire e spezzare il ritmo di gioco degli avversari. La ripartenza si basa su un gioco di
prima verso gli attaccanti seguiti da passaggi veloci e scatti fulminei per segnare in
contropiede, tuttavia la ripartenza verrà cercata solo se in totale sicurezza, preferendo quindi
non scoprirsi piuttosto che avventurarsi nella metà campo avversaria.
E' consigliato utilizzare la mentalità Difensiva quando la differenza di qualità tecnica fra voi e
l'avversario è molto ampia a vostro sfavore. E' inoltre una mentalità molto utile da affiancare
ad altri moduli più propositivi per utilizzarla nelle partite delicate o quando dovrete difendere
un risultato a partita in corso.

 


Contropiede

 


La mentalità di Contropiede è indicata quando non si è favoriti, ma si hanno comunque la
forza e la qualità per interrompere la manovra avversaria piuttosto spesso per colpire in
contropiede. Può essere inoltre una mentalità strategica, anche se si dispone di una rosa
molto forte si può utilizzare per sorprendere l'avversario e/o rendere semplicemente la difesa
più solida. Per fare un paragone con il calcio reale Mourinho la utilizza spesso nelle partite
equilibrate dove non vi è un reale favorito, la sua Inter ha vinto una Champions grazie alle
ripartenze veloci e le sue squadre in generale hanno la fama di essere molto solide. Non è
quindi una mentalità prevalentemente difensiva, ma più un'idea di gioco e una vera e propria
arma se utilizzata come si deve. La squadra utilizzando questa mentalità terrà i giocatori
dietro la palla in fase difensiva, pronti a sostenere l'attacco quando si arriva sulla trequarti
avversaria. La ripartenza si esplica col tentativo immediato di ribaltamento di fronte per
sfruttare lo spazio alle spalle dei difensori, mantenendo comunque un minimo di prudenza se
alla lunga i contrattacchi risultano inefficaci.
La mentalità di contropiede è più produttiva se la squadra sfrutta passaggi diretti e ritmo
veloce, poichè per sfruttare l'eventuale difesa scoperta degli avversaria bisogna arrivare in
porta il prima possibile, con una ripartenza lenta e laboriosa invece si permetterebbe alla
difesa avversaria di rientrare e riposizionarsi, facendoci perdere la possibilità di andare in
contropiede.

 

Standard

 


La mentalità Standard bilancia attentamente fase offensiva e difensiva, è una mentalità molto
equilibrata che permette di aspettare e vedere come si mette la partita per decidere se essere
più aggressivi o più cauti. Ma non solo, è infatti molto personalizzabile attraverso le istruzioni
di squadra specifiche per reparto ed è inoltre adatta in fase di sperimentazione quando
provate tattica e giocatori, perché permette di adattare man mano le istruzioni in base ai
movimenti e alle caratteristiche della rosa. Non c'è un vero e proprio paragone con il calcio
reale, è una base di partenza neutra che consente massima personalizzazione.
E' una mentalità indicata per gli allenatori che amano adattarsi agli avversari cambiando
atteggiamento sia a partita in corso che di settimana in settimana, andando a modificare se
necessario l'atteggiamento di ogni singolo reparto.

 


Controllo

 


La mentalità di Controllo è indicata quando si è favoriti ma non ci si vuole scoprire troppo
perché si temono i contrattacchi avversari. E' quindi da utilizzare quando si vuole avere il
pallino del gioco e il possesso palla, mantenendo comunque un minimo di prudenza per
concedere poco alla squadra avversaria. Nel calcio reale è una delle mentalità di gioco più
usate, sopratutto dalle squadre favorite e più in generale dalle Big di ogni campionato. Due
degli esempi più celebri che la utilizzano sono; Guardiola, che punta sempre al controllo del
gioco tramite una manovra molto lunga, e Ancelotti, che come lo spagnolo preferisce un
gioco paziente mantenendo una difesa molto solida. La squadra utilizzando la mentalità di
Controllo mira a far girare molto il pallone, con una manovra elaborata nella trequarti
avversaria per trovare lo spazio qualora si creasse. Anche i difensori, in special modo i terzini,
possono andare in sovrapposizione e i centrocampisti inserirsi in avanti, ma generalmente
questo avverrà in situazioni poco pericolose, in caso contrario resteranno invece dietro a far
girare palla aspettando che l'occasione giusta arrivi.
La mentalità di controllo è più produttiva se si sfruttano passaggi medi o corti e si utilizza un
ritmo abbastanza lento, per sfruttare al meglio la manovra paziente che questa filosofia di
gioco porta in dote. D'altronde non avrebbe senso costruire un gioco ragionato con passaggi
diretti e ritmo veloce.

 

Offensiva

 


La mentalità Offensiva è indicata quando la squadra è la favorita assoluta e ci si aspetta che
domini col possesso palla nella metà campo avversaria. E' una filosofia adatta particolarmente
alle squadre molto forti, in quanto proietta i giocatori alla costante pressione offensiva
utilizzando il proprio approccio per destabilizzare l'avversario. Nel calcio reale l'esempio più
lampante e controverso è sicuramente Zeman, allenatore che dona alle proprie squadre
un'identità sempre offensiva e spregiudicata, con le relative conseguenze di spettacolarità e
problemi difensivi. La squadra utilizzando la mentalità Offensiva mira a sfruttare gli spazi nella
trequarti offensiva, con passaggi veloci e diretti sugli attaccanti. La difesa si manterrà alta
focalizzandosi sul possesso palla e i passaggi dei centrocampisti sono mirati sopratutto nel
lanciare negli spazi i giocatori, permettendo loro di sfruttare la propria creatività.
Questa mentalità è più produttiva se si sfrutta un gioco fatto di passaggi diretti e di manovra
veloce, con la difesa sempre alta per cercare di ridurre gli spazi con l'attacco. Inoltre è
consigliato lasciare molta libertà creativa e di movimento ai giocatori più fantasiosi, in modo
da permettere loro di inventare la giocata decisiva contro una difesa particolarmente chiusa.
La mentalità offensiva può essere utile sia dall'inizio che a partita in corso, per aumentare la
pericolosità della propria squadra in partite in cui non si riesce a sbloccare il risultato.

 


Tutto per tutto

 


Il Tutto per tutto è la mentalità più offensiva che ci mette a disposizione Football Manager.
Nel calcio reale può essere paragonato all'atteggiamento delle squadre negli ultimi minuti di
una partita che stanno perdendo e cercano in ogni modo di recuperare. E' una mentalità
all'estremo opposto del Contenimento visto in precedenza, la squadra cercherà in ogni modo
di segnare, anche a costo di sbilanciarsi e di lasciare grandi spazi alle ripartenze avversarie. I
giocatori si riverseranno in avanti, giocando nella trequarti avversaria con un ritmo molto
veloce e passaggi diretti con l'intento di arrivare in area avversaria il prima possibile. La difesa
giocherà aggressiva e punterà a recuperare palla, senza temporeggiare nei contrasti, e i
centrocampisti cercheranno più spesso il lancio per i giocatori in profondità e negli spazi.
E' consigliato utilizzare la mentalità di Tutto per tutto prevalentemente a partita in corso, dato
i rischi a cui si espone la squadra in fase difensiva.

 

Disposizione

 


Una volta determinata la mentalità da utilizzare, la scelta dovrà ricadere sulla disposizione in
campo da dare alla squadra. Per disposizione in campo si intende l'approccio di ogni
giocatore al proprio ruolo e la relativa rigidità dello stesso, inoltre andrà ad influenzare la
distanza fra i reparti e la libertà dei giocatori di fare una sola o più fasi di gioco
contemporaneamente. Più in generale stabilisce quanto rigida sarà l'aderenza dei giocatori al
modulo prescelto.
Football Manager ci da la possibilità di scegliere fra 5 disposizioni di gioco differenti.
Andiamole a vedere partendo dalla più rigida fino ad arrivare alla più fluida.

 


Molto Strutturata

 


La disposizione Molto Strutturata fa si che ogni giocatore si concentri esclusivamente su una
singola fase di gioco a seconda del ruolo ricoperto, quindi i difensori sono responsabili
soltanto della fase difensiva, gli attaccanti si concentrano sulla fase offensiva, i centrocampisti
difensivi fanno solo filtro e così via. Questo darà vita ad un sistema di gioco molto rigido in
cui la squadra manterrà la propria quadratura in tutti i momenti della partita, rispettando il
modulo e giocando prevalentemente un calcio semplice e preciso, con i giocatori che
avranno poca libertà di inventare.
E' una disposizione molto utile per dare solidità alla squadra, i giocatori non avranno
possibilità di muoversi liberamente e seguiranno alla lettera i dettami tattici, evitando ogni
rischio di lasciare scoperta la propria posizione. Può rendere la squadra meno corta, perché i
giocatori non si allontaneranno mai molto dalla posizione, ma questo dipenderà
prevalentemente dai compiti che darete ai singoli ruoli.

 


Strutturata

 


La disposizione Strutturata permette ai giocatori un filo in più di flessibilità rispetto alla
precedente potendo partecipare a più fasi di gioco, ad esempio terzini e centrocampisti
arretrati devono non solo difendere, ma anche impostare, gli esterni e i centrocampisti
offensivi impostano e attaccano gli spazi, e così via. E' quindi una disposizione che permette
ai giocatori di pensare a una fase di gioco in più, senza però allontanarsi troppo dalla propria
posizione, per dare vita ad un sistema rigido dove ognuno sa bene cosa fare in ogni
momento della partita. Questa disposizione lascia poco spazio alla creatività individuale e
punta all'equilibrio dei ruoli e del modulo affinché il sistema risulti efficace. Come per la
disposizione Molto Strutturata è importante valutare bene i compiti individuali per non
lasciare troppi spazi tra i reparti, la squadra giocherà molto ordinata seguendo alla lettera i
dettami tattici.

 


Flessibile

 


La disposizione Flessibile permette ai giocatori di contribuire a più fasi di gioco, infatti
difensori e centrocampisti arretrati non si concentreranno solo sulla difesa, ma aiuteranno
anche la fase di transizione, si proporranno maggiormente per il passaggio e avanzeranno
qualora ce ne fosse bisogno. Allo stesso modo centrocampisti avanzati e attaccanti oltre alla
fase offensiva aiuteranno il possesso palla della squadra, abbassandosi per ricevere la palla se
necessario e offrendo più soluzioni di gioco. Affinché il sistema prenda corpo è fondamentale
puntare all'equilibrio dei compiti e dei movimenti, perché è vero che con questa filosofia i
giocatori saranno disposti a più di una fase di gioco, ma questo atteggiamento non sarà
estremizzato e avverrà solo in situazioni di relativa sicurezza, è importante quindi guidare la
propria squadra attraverso le istruzioni individuali.

 


Fluida

 


La disposizione Fluida lascia la libertà ai giocatori di contribuire a tante fasi di gioco, più che
in quella Flessibile. La squadra sarà divisa in due blocchi, con i giocatori creativi a curare la
fase offensiva e quelli disciplinati a difendere, ma tutti devono saper cambiare atteggiamento
se la situazione lo esige. Ogni giocatore, indipendentemente dal ruolo, sarà incoraggiato a
seguire la manovra e l'atteggiamento della squadra, mantenendo e accorciando le distanze
con gli altri reparti.
E' una filosofia di manovra che permette di giocare in maniera ariosa e con libertà creativa,
ottima quindi per liberare la fantasia dei giocatori più tecnici.
E' consigliato intervenire il meno possibile con le istruzioni individuali, in quanto giocatori e
reparti contribuiranno a diverse fasi di gioco indipendentemente dai compiti che daremo
individualmente.

 


Molto Fluida

 


La disposizione Molto Fluida fa si che tutti i giocatori partecipino ad ogni fase di gioco,
attraverso un sistema davvero fluido. Gli attaccanti dovranno saper difendere e i difensori
attaccare, ogni giocatore sarà coinvolto nella manovra e la squadra si alzerà o si abbasserà in
blocco. I giocatori oltre ad avere resistenza, per il grande dispendio di energie che questa
filosofia provoca, dovranno avere ottimi valori mentali per cambiare atteggiamento a
seconda dei momenti della partita. Ogni giocatore infatti si fida della lettura della partita data
dai compagni per adattarsi immediatamente alle necessità del collettivo. La squadra sarà
incoraggiata a giocare liberamente ed ai giocatori sarà concesso un grande tasso di creatività
individuale, per questo è consigliato intervenire il meno possibile nei compiti individuali. E'
una filosofia consigliata in special modo alle grandi squadre, che hanno la forza, sopratutto
mentale, per leggere la partita e adattarsi ad essa.

 

COME ACCOPPIARE DISPOSIZIONE E MENTALITÀ?

 


Partiamo dal presupposto che Football Manager premia la creatività, quindi non esistono
accoppiamenti giusti o sbagliati, la cosa migliore su FM è sempre sperimentare.
Detto questo, però, esistono accoppiamenti più coerenti, andiamoli a vedere.


Combinazioni consigliate


Contenimento / Difensiva - Strutturata / Molto Strutturata / Flessibile


Con mentalità di gioco difensive come Contenimento o Difensiva è consigliato affidarsi alle
disposizioni più rigide che permettono una maggiore disciplina difensiva. In questo modo
ogni giocatore manterrà la propria posizione cercando di ridurre al minimo gli spazi in cui gli
avversari possono infilarsi.
Non è assolutamente vietato, però, sfruttare le disposizioni più fluide. Potrebbe essere utile,
ad esempio, sfruttare la Molto Fluida per far contribuire anche gli attaccanti alla fase
difensiva, ma con la controindicazione che in fase di ripartenza qualche difensore si butti un
po troppo in avanti lasciando scoperta la posizione.
Rimane preferibile sfruttare le filosofie più rigide per mantenere maggiore solidità difensiva.

 


Contropiede / Standard / Controllo - Flessibile / Fluida / Molto Fluida

 


Utilizzando mentalità di gioco equilibrate come Contropiede, Standard e Controllo invece si
dovrebbe optare per scegliere disposizioni più flessibili e fluide. In questo modo la squadra
sarà incoraggiata a giocare in maniera ariosa, mantenendosi compatta ma propositiva,
sfruttando la creatività dei propri giocatori per andare in rete.
Attenzione però, non è sconsigliato utilizzare filosofie più rigide anche con queste mentalità.
Potrebbe essere strategico mantenere rigidità nello schieramento anche con mentalità come
il Controllo, per avere più ordine e una fase offensiva più sistematica, sopratutto se non si
dispone di grandi fantasisti, oltre ovviamente ad una maggiore solidità del reparto arretrato.
Rimane comunque preferibile sfruttare le filosofie più elastiche per permettere ai giocatori di
contribuire a più fasi di gioco.

 


Offensiva / Tutto per Tutto - Flessibile / Fluida / Molto Fluida

 


Per le mentalità più offensive come Offensiva e Tutto per Tutto è consigliato sfruttare le
disposizioni che permettono alla squadra di accompagnare l'azione e riversarsi in attacco. E'
fondamentale che i terzini, ad esempio, non pensino solo alla fase difensiva, ma anzi
contribuiscano maggiormente alla fase propositiva, sopratutto se si vuole recuperare uno
svantaggio o sbloccare il risultato. Ma allo stesso modo può essere utile che i giocatori più
offensivi si concentrino anche sul recupero palla, cosa possibile grazie alle disposizioni fluide,
per non avere una squadra esageratamente sbilanciata con mentalità così offensive.
Ma come per le altre, anche in questo caso non può dirsi sbagliato sfruttare le disposizioni
più Strutturate. Nel caso del Tutto per Tutto o della mentalità Offensiva, con una disposizione
Strutturata, avremo tutta la squadra, eccezion fatta per la difesa e/o eventuali mediani,
concentrata quasi esclusivamente sul gioco offensivo, il che può essere un bene per attaccare
con efficacia, ma con la controindicazione di una scarsa solidità difensiva.
Rimane dunque preferibile sfruttare le filosofie più fluide, per attaccare sfruttando l'equilibrio
dei movimenti e con più creatività.

 


ATTRIBUTI CONSIGLIATI PER LE DISPOSIZIONI

 


E' fondamentale conoscere la propria rosa prima di scegliere quale disposizione utilizzare.
Infatti per sfruttare al meglio le disposizioni più fluide è importante avere una rosa forte
mentalmente oltre che tecnicamente, mentre il calcio più semplice proposto dalle filosofie
strutturate richiede meno attributi da soddisfare.
Non è necessario avere giocatori con ogni attributo richiesto, ma considerando il quadro
generale di una rosa è importante avere una buona propensione alle qualità adatte per la
filosofia che si è deciso di utilizzare.

 


Disposizioni Fluide

 


Per rendere efficaci le filosofie fluide la rosa dovrà avere alti valori nelle skill mentali. In linea
generale gli attributi più importanti sono:
Per i giocatori difensivi – Posizione, decisioni, gioco di squadra, intuito, impegno, freddezza e
concentrazione.
Per i giocatori offensivi – Decisioni, fantasia, senza palla, impegno, gioco di squadra e
freddezza.

 


Disposizioni Strutturate

 


Per rendere efficaci le filosofie rigide la rosa non avrà bisogno necessariamente di alti valori
mentali. E' importante altresì guardare ai valori tecnici e fisici richiesti da ogni ruolo. Scegliere,
ad esempio, un difensore abile sopratutto a marcare, contrastare e colpire di testa più che
nella concentrazione o nell'intuito potrebbe essere una mossa comunque vincente, facendovi
tra l'altro spendere generalmente meno sul mercato. Stesso discorso può essere fatto per gli
attaccanti, non avrete bisogno per forza di un attaccante completo, fantasista, abile anche a
creare gioco e chi più ne ha più ne metta, potrebbe bastarvi anche un semplice bomber che
pensa esclusivamente a buttarla dentro.
Sia chiaro, ogni qualità in più è un valore aggiunto, ma sicuramente con le disposizioni rigide
si hanno meno requisiti da dover soddisfare, sopratutto per quanto concerne i valori mentali.

 

 

Share this post


Link to post
Share on other sites

LE QUATTRO MACROAREE


Dopo aver visto mentalità e disposizione generale è ora di entrare nel dettaglio delle
istruzioni. Le istruzioni di squadra sono una serie di indicazioni che è possibile dare ai nostri
giocatori e che andranno ad influenzare, o per meglio dire, ad integrare, la disposizione e la
mentalità della nostra formazione. Nello specifico avremo 4 macroaree in cui andare a
lavorare: Disposizione in campo, Difesa, Costruzione e Attacco.

image.png


Voglio specificare che nella guida verranno illustrate descrizioni e possibili abbinamenti delle
istruzioni che ci mette a disposizione il gioco, ma le istruzioni di squadra non devono essere
selezionate tutte per forza, la scelta va fatta con criterio scegliendo solo ciò che secondo voi
valorizza l'idea di gioco e le qualità della squadra.
Appena aprirete le Istruzioni di Squadra in game avrete davanti a voi l'interfaccia grafica
suddivisa in quattro macroaree, evidenziate nello screen, dedicate alle varie situazioni di
gioco.


- Disposizione in campo


La prima area vi permette di modificare la disposizione spaziale della squadra sul terreno di
gioco. Sono istruzioni che vanno a cambiare il modo in cui la vostra squadra si schiererà in
campo e come approccerà alla partita.


- Difesa


Qui troveremo tutte le istruzioni necessarie a stabilire il nostro approccio difensivo.
Sostanzialmente andremo a determinare l'altezza della nostra difesa, l'aggressività della
squadra e l'uso del fuorigioco.


- Costruzione


La famosa fase di transizione, ovvero il modo in cui il nostro undici passerà dalla fase
difensiva a quella offensiva. Sarà qui che decideremo se vogliamo una manovra veloce e
diretta oppure lenta e ragionata.


- Attacco


Qui andremo a stabilire come si comporterà la squadra a ridosso dell'area di rigore
avversaria. Sceglieremo se dare più libertà ai nostri fantasisti oppure se fargli seguire
maggiormente lo schema tattico, inoltre determineremo come le nostre punte dovranno
ricevere i passaggi ed i cross.

 

ISTRUZIONI NEL DETTAGLIO


Prima di iniziare a discutere delle istruzioni nel dettaglio devo fare una premessa. Cinque
istruzioni variano a seconda della mentalità e sono: ritmo di gioco, perdita di tempo,
ampiezza di gioco, linea difensiva e stile dei passaggi. Ovviamente variano con logica, se si
sceglie una mentalità molto offensiva, per esempio, avremo la possibilità di scegliere una
linea difensiva più alta rispetto ad altre mentalità più difensive e così via anche per le altre
istruzioni citate.
Poi come sempre tutte le indicazioni che troverete sono consigli utili per approcciare al gioco
e in particolare al mondo tattico, ma dovete sempre sentirvi liberi di sperimentare e uscire
dai canoni classici, spesso è così che vengono fuori le tattiche più interessanti.

Share this post


Link to post
Share on other sites

DISPOSIZIONE IN CAMPO

 


La disposizione in se per se l'abbiamo già vista nel capitolo uno, per cui passeremo
direttamente al ritmo di gioco.

image.png

 


RITMO DI GIOCO


Dopo aver deciso mentalità e disposizione una delle scelte più importanti riguarda
sicuramente il ritmo di gioco. Come per la disposizione anche qui avremo 5 scelte diverse, a
partire dal ritmo molto più veloce fino, ovviamente, al ritmo molto più lento. Il ritmo è
fondamentale per dare un'identità di gioco precisa, infatti con un ritmo molto più veloce la
squadra giocherà con passaggi veloci e serrati, affidandosi all'intensità della manovra per
destabilizzare la difesa avversaria, altresì con un ritmo molto più lento i giocatori si
concentreranno sul possesso palla, avanzando lentamente e puntando su una sorta di tikitaka
per aprire la difesa avversaria con pazienza. Ovviamente oltre a questi due estremi
possiamo scegliere il ritmo normale, che è un approccio equilibrato e lascia libertà alla rosa di
interpretare le situazioni di gioco per accellerare o rallentare quando serve, può sembrare la
scelta più banale, ma si deve disporre di una rosa molto forte mentalmente e capace di
modificare il proprio approccio, per sfruttare al meglio i cambi di velocità che questa opzione
permette. Infine, il ritmo lento e veloce si comportano come le due opzioni spiegate in precedenza ma
in maniera meno estrema, sfruttando il possesso palla o i passaggi molto diretti solo quando
serve e non a tutti i costi.
Abbiamo anche un'ultima opzione, Rallentate il ritmo, selezionabile solo utilizzando il ritmo
normale, lento o molto lento. Questa opzione permetterà alla rosa di rifiatare tra un'azione e
l'altra abbassando ancor di più il ritmo di gioco e aspettando di recuperare un po' di energie
prima di tornare all'attacco. E' un'opzione particolare che diventa utile solo nel caso in cui si
viene da periodi particolarmente fitti di impegni e non si vuole stancare troppo la squadra,
perchè riduce drasticamente la pericolosità della manovra

 

PERDITA DI TEMPO

 


Questa è praticamente l'unica opzione che non possiamo modificare, non è un errore ne un
bug, semplicemente la perdita di tempo varierà a seconda della mentalità di squadra
prescelta. Più si gioca offensivi (controllo, offensiva, tutto per tutto) meno si perde tempo,
mentre giocando difensivamente (contropiede, difensia, contenimento) saranno maggiori le
occasioni in cui i giocatori cercheranno di giocare con il cronometro per difendere il risultato.

 


AMPIEZZA DI GIOCO

 


Insieme al ritmo, anche l'ampiezza è un'istruzione fondamentale per dare la struttura
portante alla tattica. Come facilmente intuibile questa istruzione va ad incidere sulla
disposizione della squadra in larghezza, si può passare dal selezionare un gioco molto
stretto, in cui la squadra tenderà a stringere le linee quasi formando un blocco unico
accentrato, fino ad arrivare alla larghezza massima con gli esterni praticamente sulla linea
laterale del campo. Fra queste due opzioni estreme, come sempre, avremo diverse vie
intermedie con il quale bilanciare l'ampiezza della formazione.
Attenzione però, perché come detto in precedenza, questa istruzione fa parte delle cinque
che vengono modificate “automaticamente” a seconda della mentalità prescelta. In
particolare con le mentalità offensive (controllo, offensiva, tutto per tutto) tutte le ampiezze
selezionabili saranno leggermente più larghe, mentre con quelle difensive (contropiede,
difensia, contenimento) saranno leggermente più strette. Ecco un esempio:

image.png

Ampiezza di base con mentalità controllo

 

image.png

Ampiezza di base con mentalità contropiede

 

 

 

IN CONCLUSIONE - ABBINAMENTI AMPIEZZA - RITMO

 


Molte delle istruzioni di squadra sono abbinate fra loro e dipendono l'una dall'altra per dei
semplici principi tattici che valgono anche nel calcio reale. Premettendo che su fm la
sperimentazione, anche e sopratutto contro i consigli canonici, è d'obbligo come mi piace
ripetere spesso. Ci sono delle combinazioni che generalmente “funzionano” meglio.
Ampiezza e Ritmo di gioco sono tra le istruzioni che si legano fra loro, dunque ci sono delle
linee guida per sfruttarle al meglio, andiamole a vedere.


Combinazioni consigliate


Ritmo più lento o molto lento/Ampiezza abbastanza stretta o accentrata


Un ritmo di gioco lento funziona meglio con la squadra stretta, in genere si abbinano anche i
passaggi corti. Questa combinazione esalta il possesso palla e la manovra ragionata e paziente perché
grazie alla vicinanza tra i giocatori, anche con qualità tecniche scarse, si sbagliano meno passaggi
permettendo alla squadra di aprire lentamente il castello difensivo avversario.


Ritmo più veloce o molto veloce/Ampiezza abbastanza larga o larga


Un ritmo di gioco veloce si abbina molto bene ad una squadra che sfrutta l'ampiezza del campo, in
genere si abbinano anche i passaggi diretti. Questa combinazione esalta le squadre che sfruttano la
velocità della manovra, infatti per attaccare con efficacia in rapidità è fondamentale sfruttare la
larghezza del campo per aprire le maglie della difesa avversaria.


Combinazioni sconsigliate


Ritmo più lento o molto lento/Ampiezza abbastanza larga o larga


Questa combinazione è sconsigliata perché con una manovra paziente e spostando lentamente il
pallone da una fascia all'altra e per tutta la larghezza del campo si permetterebbe alla difesa
avversaria di riposizionarsi.


Ritmo più veloce o molto veloce/Ampiezza stretta o accentrata


Questa combinazione è sconsigliata perché il ritmo veloce e la frenesia della manovra non avrebbero
gli sbocchi laterali di cui necessitano. Inoltre l'eccessiva velocità rischierebbe di far sbagliare passaggi
elementari anche con la squadra molto stretta.

 

 

 

Share this post


Link to post
Share on other sites

DIFESA

 


Quest'area è interamente dedicata alla fase difensiva della nostra tattica, è fondamentale
costruirla con coerenza puntando all'equilibrio dei movimenti tra l'altezza della linea, il
pressing e i contrasti per dare solidità alla squadra. Ovviamente l'equilibrio non va raggiunto
solo fra i movimenti divensivi, ma questi vanno coordinati anche e sopratutto con le
impostazioni sulla disposizione che abbiamo già visto. Entriamo nel dettaglio.

 


LINEA DIFENSIVA

 


Come facilmente ipotizzabile, questa istruzione va a modificare l'altezza della nostra difesa.
La linea difensiva può sembrare una cosa banale, ma influisce parecchio sulle strategie in altre
situazioni di gioco come il pressing e il fuorigioco, ma lo vedremo più avanti. Inoltre come
dicevo all'inizio della guida, il possibile setting della linea viene influenzato dalla mentalità di
gioco prescelta, essendo fra le 5 istruzioni che vengono modificate automaticamente.
Ovviamente con mentalità difensive non potremo alzare troppo la linea, mentre con
mentalità più offensive potremo spingerla fino alla linea di centrocampo, come vediamo
nell'esempio qui di seguito.

 

image.png
Linea difensiva base con mentalità difensiva

 

image.png
Linea difensiva base con mentalità offensiva

 

 

FUORIGIOCO

 


Tra le situazioni di gioco che la linea difensiva va giocoforza ad influenzare c'è sicuramente il
Fuorigioco. Con questa istruzione dobbiamo decidere solamente se attuare o no la trappola
di fuorigioco, ma tutto dipende proprio dalla linea difensiva, vediamo perché nell'appendice
qui di seguito.

 


Appendice abbinamenti – Fuorigioco / Linea difensiva

 


Fuorigioco con linea bassa

 


E' sconsigliato perché con una linea bassa diventa inutile il fuorigioco. Giocando con una linea di
difesa a ridosso dell'area di rigore lo spazio materiale per mettere gli avversari fuorigioco si riduce
drasticamente, un semplice passaggio in verticale oppure in orrizzantale potrebbero mandare fuori
tempo la difesa che si alza per il fuorigioco.

 

 

image.png
Spazio tra difesa e area di rigore

 

Fuorigioco con linea alta

 


E' la situazione ideale per sfruttare la tattica del fuorigioco. Giocando con una linea di difesa alta a
ridosso del centrocampo lo spazio materiale per mettere gli avversari in fuorigioco diventa molto
grande. Inoltre anche nel caso in cui la linea difensiva dovesse sbagliare a mettere in fuorigioco un
avversario ci sarebbe una grande porzione di campo per recuperare, sopratutto se l'attaccante
avversario non è molto veloce.

 

image.png
Spazio tra difesa e area di rigore

 

PRESSING

 


Questa è forse una delle istruzioni più importanti per dare equilibrio alla squadra. Il pressing
è un'istruzione che va a modificare l'aggressività della squadra nei confronti degli avversari
quando non si ha la palla ed è la prima strategia difensiva che la squadrà attuerà una volta
persa la sfera. Attraverso 5 soluzioni differenti, da molto meno pressing a molto più pressing,
andremo a stabilire l'intensità del pressing, si può estremizzare chiedendo ai giocatori di
spendere tutto quello che hanno oppure limitarlo aspettando gli avversari nella propria area.
E' una strategia di gioco che richiede buone qualità nella resistenza e nell'aggressività, sono
requisiti fondamentali che devono avere i vostri giocatori per un pressing efficace. Per intendere a fondo il pressing, immaginate un cerchio immaginario intorno al vostro giocatore denominato area di influenza. Più pressing andiamo a dare e maggiore sarà questa area di influenza. Una volta che un calciatore avversario con la palla entra in questo cerchio immaginario, il nostro calciatore scatterà per andare alla riconquista del pallone.
Infine, anche questa istruzione è influenzata dalla mentalità di gioco prescelta, più offensiva
sarà la squadra più si avrà modo di estremizzare la pressione, al contrario più ci avviciniamo
al contenimento meno pressing possiamo portare, com'è logico che sia. Ma andiamo a
vedere nell'appendice quali sono gli abbinamenti più adatti per un pressing efficace.

 

Appendice abbinamenti Pressing / Ampiezza

 


Pressing / Linea difensiva

 


Per portare una pressione in tutte le zone del campo riducendo al minimo gli spazi fra i
reparti bisogna stare attenti all'abbinamento con altre strategie di gioco come l'ampiezza e la
linea di difesa.

 


Combinazioni consigliate

 


Pressing alto/Ampiezza larga

 


E' consigliato perché grazie ad una disposizione larga si avrà modo di portare la pressione in tutte le
zone del campo. Qualora gli avversari cambiassero gioco repentinamente per saltare il nostro
pressing, grazie all'ampiezza larga la squadra sarà in grado di continuare la pressione anche sul
versante opposto del campo.

 


Pressing alto/Linea alta con fuorigioco

 


E' consigliato perché un buon pressing renderebbe molto efficace una linea alta accompagnata dal
fuorigioco e viceversa. Infatti grazie alla linea di difesa molto vicina al centrocampo lo spazio materiale
in cui portare pressing agli avversari si riduce, permettendo alla nostra squadra di correre di meno in
una porzione di campo ridotta. Qualora il pressing risulti efficace gli avversari saranno costretti a
cercare una palla lunga facendo entrare in gioco la strategia del fuorigioco accompagnata dalla linea
difensiva alta.

 


Pressing basso/Ampiezza stretta/Linea bassa senza fuorigioco

 


E' consigliato perché se si decide di non portare una pressione alta bisogna compattarsi, stringendo le
linee e annullando gli spazi sulla trequarti difensiva. Per fare questo non c'è niente di meglio di
un'ampiezza stretta, portando tanti giocatori verso il centro del campo si annullano le imbucate che si
possono subire portando gli avversari a ridosso della nostra area di rigore.

 

Combinazioni sconsigliate

 


Pressing alto/Linea bassa senza fuorigioco

 


E' sconsigliato perché portando una pressione alta e mantenendo la difesa bassa si spaccherebbe in
due la squadra, con centrocampisti ed attaccanti molto alti e i difensori molto bassi. Lo spazio che si
creerebbe fra i reparti può essere sfruttato dagli avversari per colpire letalmente e senza troppa
difficoltà.

 


Pressing basso/Ampiezza larga/Linea bassa senza fuorigioco

 


Anche questo non è proprio sconsigliato, ma evitando di portare una pressione alta e allargando
molto le maglie della squadra si potrebbe prestare il fianco alle imbucate centrali degli avversari, che
sarebbero liberi a ridosso della nostra area e troverebbero terreno fertile fra gli spazi centrali della
nostra formazione

 

 

IMPEDIRE PASSAGGI CORTI DEL PORTIERE

 


Questa è un'istruzione facilmente intuibile, si tratta di chiedere ai propri attaccanti di pressare
alto i difensori quando il portiere avversario ha la palla. Questo dovrebbe far sì che il portiere,
data la mancanza di opzioni per passare corto, forzi il rinvio lungo permettendoci di
riconquistare palla. E' un'istruzione legata al pressing, ma non in maniera vincolante, dato che
riguarda una specifica situazione di gioco e non la transizione difensiva di per sé.
Ovviamente portare pressione sul rinvio del portiere è un dispendio di energie, per questo va
valutato molto bene se sfruttare questa istruzione o meno, molto dipenderà dai valori in
resistenza e aggressività degli attaccanti a disposizione.

 


MARCATE PIU' STRETTI

 


Questa istruzione farà si che i giocatori adottino uno stile di marcatura più stretto in fase
difensiva, restando particolarmente vicini agli avversari assegnati. Questo tipo di marcatura è
delicata, perché la sua efficacia è influenzata dall'abilità individuale dei giocatori. Essendo una
marcatura molto stretta un calo di concentrazione o un contrasto mancato potrebbero
risultare letali nella fase di transizione difensiva, aprendo voragini che portano inevitabilmente
al gol o ad una chiara occasione per gli avversari. La valutazione delle caratteristiche dei
giocatori è dunque fondamentale prima di scegliere se utilizzare o meno questa strategia di
gioco.

 


FATE CONTRASTI AGGRESSIVI/NON FATE TACKLE AZZARDATI

 


Queste due istruzioni riguardanti i contrasti sono opposte ed ovviamente l'una esclude l'altra.
Con fate contrasti aggressivi la squadra sarà molto aggressiva nei confronti del portatore di
palla avversario, questo può portare ad un recupero palla repentino nel caso in cui il
contrasto sia efficace, altrimenti può portare a falli ripetuti o nel peggiore dei casi a lasciare
grandi spazi al portatore di palla. Altresì con l'istruzione opposta non fate tackle azzardati la
squadra temporeggerà nei contrasti e non andrà mai in scivolata sul portatore di palla,
questo può portare ad una fase difensiva paziente ma allo stesso tempo rischiosa qualora gli
avversari riuscissero ad arrivare verso la nostra area di rigore incontrastati.
Come per l'istruzione precedente, anche questa è influenzata molto dalle caratteristiche della
rosa, ovviamente avendo molti giocatori bravi nei contrasti e di grande forza fisica l'istruzione
sui contrasti aggressivi è l'ideale, nel caso contrario, in mancanza di tecnica difensiva, non
fare tackle azzardati porta ad una transizione difensiva più compatta e di squadra.

Share this post


Link to post
Share on other sites

COSTRUZIONE

 


Dopo aver visto nel dettaglio Disposizione e Difesa, passiamo ora all'area delle istruzioni di
squadra dove si deciderà attraverso alcune scelte come la squadra passerà dalla fase di
transizione difensiva a quella offensiva. L'area della Costruzione è fondamentale per dare
l'impronta offensiva al gioco di squadra.

image.png


PASSAGGI

 


Ovviamente quando si parla di costruzione la prima cosa che viene alla mente sono i
passaggi, dove indirizzarli e con che stile, ed FM ci mette di fronte proprio questa scelta nel
pannello dedicato alla costruzione del gioco. La prima scelta a riguardo è la direzione dei
passaggi della squadra, abbiamo ben 6 scelte diverse, alcune delle quali integrabili ed altre
esclusive. La direzione dei passaggi è settabile attraverso una di tabella con cui FM ci divide
idealmente il campo in 3 porzioni, che noi chiameremo step perché rapppresentato le varie
zone di campo dove andremo a settare la direzione dei passaggi.
Il primo step rappresenta la prima costruzione della squadra, ovvero quella gestita dal
portiere e dai difensori, come vedremo tra poco nel dettaglio è possibile decidere di costruire
dal basso o saltare del tutto questa fase.
Il secondo step influenza le scelte del centrocampo, influenzerà la zona nevralgica del campo,
anche qui è possibile decidere come e in che direzione costruire l'azione sulla trequarti o
addirittura saltare completamente questa fase.
Il terzo ed ultimo step, invece, riguarda un gioco molto verticale direttamente indirizzato
verso l'attacco, è possibile saltare del tutto le fasi intermedie per arrivare subito agli
attaccanti, oppure costruire sulla trequarti con il secondo step e poi sfruttare il terzo step per
rendere più diretto il gioco sull'attacco. Non è invece possibile sfruttare sia la costruzione
dalla difesa del primo step sia la verticalità dell'ultimo, com'è logico che sia.
Ecco uno screen esemplificativo di quanto appena detto.

 

image.png
Primo step: Rosso
Secondo step: Verde
Terzo step: Blu

 

PRIMO STEP

 

image.png
Partite palla a terra dalla difesa

 


Questa opzione è abbastanza deducibile, fa si che i nostri difensori impostino l'azione dalle retrovie
non buttando mai via la palla, questo si esplica attraverso una manovra che si appoggia molto sul
palleggio dei difensori. Ovviamente sono consigliati difensori di buona tecnica per sfruttarlo come si
deve. Inoltre scegliendo questa impostazione si annullano le istruzioni che prevedono dei passaggi
più diretti scavalcando il centrocampo, e che vedremo tra poco.

 


SECONDO STEP

 

image.png
Sfruttate il centro

 


Questa scelta prevede un gioco fondamentalmente molto accentrato, la squadra cercherà di sfruttare
le zone centrali ed è molto indicata per quei moduli che hanno la superiorità numerica a
centrocampo. I giocatori cercheranno di sfruttare le debolezze centrali dell'avversario, è molto utile
sopratutto nel caso si sfruttasse il trequartista. Ovviamente con questa impostazione si annullano le
istruzioni di passaggio che sfruttano le fasce. In ogni caso comunque non è la costruzione dalle fasce sia totalmente annullata ma si preferisce passare per vie centrali

 

 

image.png

Sfruttate la fascia sinistra e/o la fascia destra

 


Questa opzione indica alla squadra di sfruttare le fasce laterali o anche una sola di esse. I giocatori
tenderanno ad allargare sempre il gioco versa la fascia o le fasce laterali, è indicata sopratutto per
quei moduli che fanno degli esterni di difesa e di centrocampo il loro punto di forza, con due uomini di fascia. Chiaramente
selezionando questa impostazione si annulla la possibilità di sfruttare il centro, anche se la costruzione di gioco non è completamente annullata per corsie centrali, ma si prediligono chiaramente le fasce

 


TERZO STEP

 

image.png

Buttate la palla in area

 


Rispetto alle precedenti soluzioni, con questa opzione si opterà per un gioco più diretto, scavalcando
o quasi il centrocampo. Infatti la squadra sarà incoraggiata a lanciare subito la palla verso l'area di
rigore badando poco alla costruzione tramite il centrocampo, è molto utile qualora si sfrutta un ruolo
come il Fulcro del Gioco e più in generale è indicata se si hanno giocatori in attacco forti fisicamente e
di testa. Come per le altre soluzioni con questa si annulla la possibilità di partire palla a terra dalla
difesa e di costruire dal basso con i difensori.

 

image.png
Lanciate la palla in fascia

 


Ultima, non per importanza, nel nostro quadro di opzioni per i passaggi è lanciate la palla in fascia.
Rispetto allo sfruttamento delle fasce che abbiamo visto prima, con questa impostazione la squadra
tenderà a giocare in maniera più diretta verso gli esterni d'attacco, con repentini cambi di gioco e
lanci a trovare liberi gli esterni. Quindi non si sfrutteranno gli esterni di difesa, ma si andrà
direttamente sugli esterni alti. E' un'opzione molto utile qualora si debba scardinare una difesa molto
chiusa dato che permette di velocizzare non poco l'azione. Ovviamente selezionando questa
impostazione si annullano quelle per sfruttare il centro del campo, oltre a quella per partire palla a
terra dalla difesa.
 

GIOCATE LA PALLA NEGLI SPAZI

 


Discorso a parte merita questa opzione, in primo luogo selezionandola non annulla nessuna
delle precedenti istruzioni, ma altresì è un'aggiunta molto interessante per determinati stili di
gioco. Infatti sfruttando il giocate la palla negli spazi la squadra tenderà a verticalizzare sulla
corsa dei giocatori, proponendo un gioco più diretto e veloce verso la finalizzazione. Il
rovescio della medaglia è che però giocando principalmente negli spazi vuoti e non sui piedi
dei giocatori con passaggi precisi, il rischio di perdere la palla per un passaggio errato si fa
molto più alto, perciò per sfruttare pienamente questa opzione si necessita una buona qualità
tecnica nella rosa a disposizione.

 

Appendice abbinamenti
Passaggi / Ritmo di gioco Passaggi / Ampiezza

 


Per sfruttare al meglio queste opzioni di passaggi che abbiamo appena visto bisogna capire
alcuni concetti fondamentali della costruzione del gioco, per farlo non c'è niente di meglio
che capire come e quando determinate istruzioni sui passaggi si abbinano meglio al ritmo e
all'ampiezza di squadra.

 


Combinazioni consigliate

 


Ritmo lento/Partite palla a terra dalla difesa

 


Giocare con un ritmo lento o molto lento sicuramente ben si abbina ad una costruzione che parte dai
difensori per poi passare a centrocampo ed attacco. Un ritmo basso darà modo ai difensori centrali e
terzini di non forzare la giocata diminuendo di molto il rischio di errori e darà tempo ai centrocampisti
di smarcarsi per ricevere il passaggio.
Altresì con un ritmo veloce si rischierebbe solo frenesia che porterebbe a ripetuti errori e passaggi nel
nulla dei difensori.

 


Ritmo veloce/Lanciate la palla in fascia e/o Buttate la palla in area

 


Il ritmo veloce si abbina sicuramente meglio a dei passaggi diretti verso l'attacco dati dalle istruzioni
di lanciare in fascia e buttarla in area. E' un modo di giocare all'opposto della costruzione lenta dai
difensori e sfrutta la forza dell'approccio e la velocità delle giocate per far male all'avversario. E'
dunque fondamentale per sfruttare i cambi di gioco avere un ritmo di gioco sostenuto, infatti
giocando con un ritmo lento e allo stesso tempo con i lanci sulle fasce la squadra risulterebbe
prevedibile e darebbe modo alla difesa avversaria di ripiazzarsi sempre con il giusto tempismo ad
ogni cambio di gioco, annullando di fatto i vantaggi dati da queste istruzioni per i passaggi.

 


Ampiezza stretta/Sfruttate il centro

 


Per quanto riguarda l'ampiezza invece, quella stretta e accentrata sicuramente da il meglio di se
sfruttando anche l'opzione di giocare verso il centro del campo. Più le maglie del modulo sono strette
più si avrà la possibilità di trovare molti giocatori nelle zone centrali del campo per costruire un'azione
potenzialmente letale.

 


Ampiezza larga/Sfruttate le fasce

 


Un'ampiezza larga è altresì consigliata se sfruttiamo il gioco sulle fasce, è una cosa molto intuitiva
come la precedente e c'è poco da spiegare, ovviamente mantenendo le maglie del modulo larghe si
avrà un grande controllo delle fasce laterali che verrano cercate con insistenza.

 

 

 

STILE DEI PASSAGGI

 


Da non confondere con il paragrafo sulla direzione dei passaggi che abbiamo appena visto.
Lo stile dei passaggi è inteso da FM come lunghezza degli stessi, si passa da passaggi corti a
passaggi lunghi, quindi si intende il passaggio nella forza e verticalità del campo e non nella
direzione. Ci sono quattro possibili opzioni; corti, misti, diretti e lanci lunghi. Vediamoli più nel
dettaglio.

 

image.png


Passaggi corti


E' uno stile di passaggi molto caro agli amanti del tiki-taka, un must per chi vuole proporre un gioco
basato sul possesso palla con scambi brevi ricalcando le gesta del Barcellona di Guardiola, massimo
esempio di questo stile. Ma non solo ovviamente, i passaggi corti rappresentano la sicurezza di uno
stile di gioco che prevede pochi errori, ma allo stesso tempo per essere sfruttati a dovere hanno
bisogno di una manovra efficace e fluida, altrimenti potrebbero intasare il gioco e risultare
controproducenti.


Passaggi misti


Più che uno stile di passaggi è un mix fra passaggi corti e diretti. La squadra utilizzerà i due stili di
passaggio a seconda delle situazioni, basandosi molto sulle caratteristiche dei singoli giocatori. In
genere i passaggi misti si utilizzano quando si va a settare singolarmente, nelle istruzioni individuali, lo
stile dei passaggi di ogni giocatore.


Passaggi diretti


E' uno stile di passaggi che come si deduce dal nome prevede passaggi più lunghi delle due
precedenti soluzioni. Molto adatto per chi vuole giocare in maniera veloce sfruttando una transizione
rapida, indica ai giocatori di dare un ritmo più veloce ai passaggi, in modo da far coprire alla palla
ampie distanze in minor tempo durante la manovra. Rispetto ai passaggi corti quelli diretti hanno un
rischio maggiore d'errore, ridotto solo dalla qualità tecnica del singolo giocatore, ma allo stesso
tempo se sfruttati a dovere possono risultare molto più pericolosi dei passaggi corti.


Lanci lunghi


Rispetto ai tre stili precedenti questo tipo di passaggi sono piuttosto estremi. I giocatori saranno
portati a lanciare molto frequentemente la palla verso l'attacco, saltando del tutto la transizione
attraverso il centrocampo, con il rischio molto alto ovviamente di perdere il pallone buttandolo via. E'
uno stile di passaggi da adottare in determinate occasioni, per sfruttare eventuali ripartenze contro
grandi squadre oppure per buttare più palloni possibili in area di rigore se bisogna recuperare uno
svantaggio negli ultimi minuti. Non mi sento di poterlo consigliare come stile di passaggi da adottare
tutto l'anno, è piuttosto una buona strategia a partita in corso.

 

 

TENETE PALLA

 


Opzione che merita un discorso a parte, tenete palla è forse l'estremo opposto dei lanci
lunghi, ma non è precisamente uno stile di passaggi, possiamo considerarlo più un
rafforzativo per lo stile di passaggi corti e lo stile misto, non è infatti un'opzione selezionabile
con passaggi diretti e lanci lunghi.
Con tenete palla la squadra darà priorità al possesso palla, e per priorità si intende proprio
che preferisce tenere palla piuttosto che affondare l'azione. Per questo motivo è una
soluzione che come i lanci lunghi è da prendere in considerazione a partita in corso, quando
magari si deve difendere un vantaggio e far riposare la squadra gestendo il risultato.

 

 

Appendice abbinamenti - Stile dei passaggi / Passaggi

 


I due paragrafi visti finora, ovvero passaggi e stile dei passaggi hanno delle combinazioni che
possono risultare molto efficaci e permettono di capire meglio come sfruttare le istruzioni
appena spiegate. Andiamole a vedere.

 


Combinazioni consigliate

 


Passaggi corti/Sfruttate il centro

 


I passaggi corti si abbinano molto bene ad una squadra che sfrutta e indirizza il proprio gioco verso il
centro del campo. Come abbiamo visto per sfruttare al meglio il centro del campo la squadra deve
stringere le maglie, quindi con un'ampiezza stretta e un gioco centrale non c'è niente di meglio che
uno stile di passaggi corti e ravvicinati, in quanto si avranno molti giocatori nella stessa zona di campo
centrale.

 


Passaggi corti/Partite palla a terra dalla difesa

 


Quando si decide di partire palla a terra dalla difesa verosimilmente si è deciso di sfruttare una
manovra ragionata e non fatta di passaggi diretti o lunghi. Perciò per esaltare al massimo una
manovra che parte dalla nostra difesa la soluzione migliore è sfruttare i passaggi corti, evitando in
questo modo di rischiare passaggi lunghi dalla difesa che con ogni probabilità finiranno per essere
imprecisi il più delle volte.

 


Passaggi diretti o lunghi/Lanciate la palla in fascia

 


Come facilmente deducibile per sfruttare i cambi di gioco sugli esterni d'attacco, come abbiamo visto
poco fa, la soluzione migliore è adottare uno stile di passaggi diretti o lunghi, a seconda di quanta
rapidità si vuole dare alla propria manovra.

 


Passaggi lunghi/Buttate la palla in area

 


Per sfruttare i lanci a scavalcare il centrocampo diretti verso l'attacco lo stile di passaggi migliore sono
sicuramente quelli lunghi. In questo modo chiunque, o quasi, dei giocatori si trovi in possesso del
pallone lancerà lungo verso il centro dell'attacco rafforzando uno stile di gioco molto diretto.

 

Appendice abbinamenti Stile dei passaggi / Ampiezza

 


Stile dei passaggi / Ritmo

 


Lo stile dei passaggi oltre ad abbinarsi con le direzioni dei passaggi, può abbinarsi
efficacemente anche con determinate ampiezze e ritmi di gioco.

 


Combinazioni consigliate

 


Passaggi corti/Ampiezza stretta

 


Come abbiamo visto poco prima, l'ampiezza stretta porta molti giocatori verso il centro del campo ed
in pochi metri, di conseguenza uno stile di passaggi corti si adatta benissimo date le distanze minime
che si vengono a creare tra i giocatori.

 


Passaggi corti/Ritmo lento

 


Un ritmo lento sicuramente trae giovamento da uno stile di passaggi corti, è forse una delle
combinazioni must per chi vuole impostare una squadra basata sul prolungato possesso palla, in
quanto si riduce il rischio di errori nei passaggi sopratutto se abbinate anche all'ampiezza abbastanza
stretta.

 


Passaggi diretti/Ampiezza larga

 


Con l'ampiezza larga e di conseguenza con i giocatori molto distanziati l'uno dall'altro, lo stile di
passaggi diretti è la migliore soluzione per evitare l'intercetto dei passaggi. Ma non solo, perché per
accentuare ancor di più i cambi di gioco, in una squadra molto larga sul campo, si potrebbe optare
anche per la soluzione più estrema dei lanci lunghi.

 


Passaggi diretti/Ritmo veloce

 


Quando si seleziona un ritmo veloce verosimilmente si è deciso di utilizzare una manovra molto
rapida e che abbia quasi o niente del possesso palla prolungato. Perciò per rendere la manovra
ancora più ficcante si deve optare per uno stile di passaggi diretto che faccia arrivare la squadra con
pochi passaggi verso l'area di rigore avversaria.

 

 

LIBERTA' DI INVENTARE

 


Dopo quanto detto fino adesso sui passaggi, c'è un'ultima soluzione del paragrafo
Costruzione che può modificare in gran parte i concetti espressi finora, sto parlando della
libertà di inventare. Questa strategia prevede due opzioni opposte fra loro; più creatività e
più disciplina.

 


Più creatività

 


Selezionando più creatività i giocatori saranno portati ad utilizzare il loro estro creativo nelle
varie situazioni di gioco, spesso e volentieri anche in opposizione alle istruzioni date alla
squadra. E' probabile infatti che selezionando più creatività un giocatore in situazione
favorevole può giocare un passaggio più diretto se questo può portare ad un pericolo per la
porta avversaria, andando in opposizione anche all'eventuale istruzione per i passaggi corti e
viceversa. Tutto questo è molto legato alla creatività del singolo giocatore, seguendo una
proporzione per cui più qualità possiede più tenterà giocate fuori dagli schemi.
Quindi più creatività è un'istruzione da usare con attenzione, perché se da una parte può
garantire quel tocco di imprevedibilità in più, dall'altro con una squadra poco tecnica e
creativa potrebbe risultare un'arma a doppio taglio.

 


Più disciplina

 


Questa istruzione è come facilmente deducibile l'antitesi di più creatività. Con più disciplina
infatti la squadra giocherà come collettivo seguendo ciecamente tutte le istruzioni di squadra
e individuali selezionate. E' un'opzione molto efficace quando la squadra non dispone di
grande tecnica ed estro creativo, infatti i giocatori seguiranno alla lettera le istruzioni
dell'allenatore non concedendosi nessuna giocata extra. Altresì con una squadra molto
tecnica e fantasiosa questa istruzione può risultare inefficace e deleteria perché castra
completamente la creatività dei giocatori.

Share this post


Link to post
Share on other sites

ATTACCO

 

ea5jcx.jpg

 


Una volta decisa la disposizione della squadra, la fase difensiva e di costruzione, è arrivato il
momento di mettere mano alla fase offensiva. La più immediata ma anche la meno
importante, perché il grosso della manovra di squadra è stato selezionato nelle varie fasi
antecedenti a questa e le istruzioni d'attacco non sono altro che la ciliegina sulla torta della
filosofia di gioco costruita fino a qui.
L'area dell'attacco è dunque l'ultimo step della manovra, attraverso poche istruzioni si
determina come la squadra si comporta negli ultimi 30 metri di campo, in pratica come
verranno finalizzate la maggior parte delle azioni costruite.

 

Una volta decisa la disposizione della squadra, la fase difensiva e di costruzione, è arrivato il
momento di mettere mano alla fase offensiva. La più immediata ma anche la meno
importante, perché il grosso della manovra di squadra è stato selezionato nelle varie fasi
antecedenti a questa e le istruzioni d'attacco non sono altro che la ciliegina sulla torta della
filosofia di gioco costruita fino a qui.
L'area dell'attacco è dunque l'ultimo step della manovra, attraverso poche istruzioni si
determina come la squadra si comporta negli ultimi 30 metri di campo, in pratica come
verranno finalizzate la maggior parte delle azioni costruite.

 


TREQUARTI

 

2r5cakz.png


Come si può dedurre dal nome, il pannello dedicato alla trequarti ci mette di fronte allo
sviluppo del gioco nei pressi dell'area avversaria. Questo pannello si deve idealmente dividere
in due, infatti abbiamo nascoste nelle quattro opzioni disponibili due filosofie di gioco ben
distinte; una basata su un gioco più diretto, quindi come sempre da scegliere coerentemente
alle scelte fatte fino a qui, e l'altra basata su un gioco più paziente e di attesa per aprire i
giusti varchi. Per avere uno schema più preciso le due filosofie le chiameremo “Attacco
veloce” e “Attacco paziente”, andiamo a vedere le opzioni nel dettaglio.

 

ATTACCO VELOCE

 

image.png
Crossate di prima

 


Questa opzione fa parte dell'attacco veloce, infatti indica ai giocatori, prevalentemente quelli
di fascia, di crossare dalla trequarti campo non appena sia possibile. Ciò si traduce in una
manovra diretta visto che la squadra cercherà di buttare subito la palla in area per
sorprendere la linea difensiva avversaria.
E' un'opzione utile utilizzando manovre di contropiede e dirette, oppure quando si cerca con
insistenza il gol con tattiche molto offensive.
Utilizzando crossate di prima non è possibile selezionare le opzioni del cosidetto “attacco
paziente” come cercate di sovrapporvi e portate il pallone in area

 

image.png
Tirate appena possibile

 


Seconda opzione dell'attacco veloce, non per forza da utilizzare insieme alla precedente.
Tirate appena possibile è deducibile dal nome stesso, niente di complicato dunque, i
giocatori saranno invogliati a provare la conclusione a rete appena possibile escludendo
quasi ogni possibilità di manovra prolungata.
Come per la precedente è utile in situazioni di svantaggio, per aumentare le possibilità di
segnare, possibilmente avendo giocatori dotati di buon tiro. Mi sento invece di sconsigliarla
in altre occasioni, è sempre meglio selezionare il tiro nelle istruzioni individuali di ciascun
giocatore solo se ne hanno le qualità necessarie.
Selezionando questa opzione viene esclusa la possibilità di scegliere portate il pallone in area
dell'attacco paziente, ma altresì è possibile selezionare una delle due opzioni delle “fasce”,
ovvero crossate di prima e cercate di sovrapporvi.

 

ATTACCO PAZIENTE

 

70gmfo.png

Cercate l'imbucata

 

Per poter utilizzare questa opzione al meglio servono centrocampisti forti in fase di inserimento in quanto anziché cercare il compagno sull'esterno per lo scarico laterale, il giocatore in possesso di palla attenderà una sovrapposizione interna dei centrocampisti che arrivano a rimorchio (mezzala ad attaccare ad esempio, o comunque giocatori dalla spiccata propensione alla sovrapposizione), magari con un regista avanzato in posizione centrale che tiene il possesso e ha passaggi diretti e/o rischia passaggi difficili, oppure un fulcro del gioco a supporto con compiti simili. Per poter utilizzare al meglio questa opzione servono ruoli specifici e non sempre porta benefici, soprattutto contro difese molto organizzate

 

image.png
Cercate di sovrapporvi

 


Anche questa opzione è deducibile dal nome, indica ai giocatori di tenere palla e aspettare la
sovrapposizione di qualcuno, generalmente sulle fasce con terzini o esterni di centrocampo.
Oltre a far parte della filosofia più lenta e paziente per ovvi motivi, è l'antitesi di crossate di
prima per quanto riguarda le opzioni dell'attacco dalle fasce.
Cercate di sovrapporvi è molto utile con le filosofie di predominio del campo, con le manovre
lente per permettere a chi di dovere di sovrapporsi con i tempi giusti, un gioco troppo veloce
sarebbe deleterio con questa opzione selezionata. Si può perdere di imprevedibilità rispetto
ai cross di prima, ma allo stesso tempo è una scelta meno rischiosa e comporta meno errori.

 

image.png
Portate il pallone in area

 

Terza ed ultima opzione dell'attacco paziente, forse quella che incarna maggiormente
questa filosofia di gioco. I giocatori sono portati a manovrare pazientemente, in attesa di
spazi e senza mai forzare le azioni, aspettando il momento giusto.
Questa scelta è utilissima quando si è favoriti, dovendo aprire difese avversarie chiuse a riccio
al momento giusto, inoltre permette alla squadra di non rischiare troppi contropiedi.
Non è possibile scegliere le due opzioni dell'attacco veloce principali utilizzando portate il pallone in
area.

 

Appendice abbinamenti – Passaggi / Trequarti

 


Come dall'inizio di questa guida, tutto ciò che andrete a modificare nelle varie aree è
correlato alle altre istruzioni. In questo caso ci sono degli abbinamenti fortemente consigliati
da tenere in considerazione fra la direzione dei passaggi e lo sviluppo del gioco sulla
trequarti che abbiamo appena visto.

 


Combinazioni consigliate

 


Sfruttate le fasce/Cercate di sovrapporvi o Crossate di prima

 


Con una manovra che si sviluppa sulle corsie esterne selezionare una delle due opzioni dell'attacco
dalle fasce è utile per valorizzare maggiormente il proprio stile di gioco. Sfruttare le fasce insieme alle
sovrapposizioni metterà in luce il gioco di coppie terzino/esterno, altresì insieme ai cross di prima si
sfruttano i centimetri degli attaccanti con maggiore frequenza. La scelta dipenderà ovviamente dal
modulo e dal ritmo di gioco della squadra.

 


Sfruttate il centro/Tirate appena possibile

 


Quando la manovra si sviluppa dal centro si riescono a sfruttare meglio i tiri frequenti da posizione
ovviamente migliore rispetto alle corsie esterne del campo. Oltretutto i tiratori più abili sono spesso
giocatori come trequartisti o centrocampisti centrali.

 


Buttate la palla in area/Crossate di prima

 


Con la squadra che cerca insistentemente il gol con palloni lunghi in area è perfetto sfruttare anche i
cross di prima, traversoni generalmente pericolosi grazie alla loro imprevedibilità.

 


Partite palla a terra/Cercate di sovrapporvi e/o Portate il pallone in area

 


Con una manovra costruita dal basso, paziente e ragionata si abbinano bene le sovrapposizioni degli
esterni, che hanno così i giusti tempi per salire, ed in più ne beneficia anche la manovra
d'accerchiamento di portare il pallone in area.

 


Sfruttate il centro o sfruttate le fasce/Portate il pallone in area

 


La manovra d'aggiramento lenta e paziente si abbina bene con entrambe le soluzioni di passaggio, la
squadra tenderà ad aspettare gli che si creano dove è indirizzato il proprio gioco.

 

 

Non viene menzionata l'opzione di cercare l'imbucata in quanto è un'opzione che richiede ruoli specifici e non è una opzione universale, servono ovviamente ruoli ed impostazioni adatte per farla rendere al meglio

 

CROSS

 


Nonostante facciano parte del pannello della trequarti, anche se in posizione defilata, la
scelta della tipologia di cross merita un discorso a parte.
Prima di tutto perché rispetto ad altre opzioni, la scelta di una qualsiasi tipologia di cross non
è così influente, infatti i giocatori qualche volta, se in posizione agevole, sceglieranno di
effettuare il cross indicatogli, ma per le restanti occasioni il cross che uscirà dipenderà spesso
e volentieri dalla situazione di gioco, dal pressing del difensore e dall'abilità nel singolo
attributo del vostro giocatore.


Detto questo andiamo a vedere le differenti tipologie:

 


Cross bassi

 


Sono cross tesi e veloci all'interno dell'area di rigore, attenzione però, non sono bassi a
dispetto del nome nel gioco. Sono cross a varie altezze e quindi sfruttabili da attaccanti di
vario tipo, molto veloci e difficili da intercettare.

 


Cross tesi

 


A differenza del nome questi sono cross principalmente bassi, tagliati e ad effetto, complicati
da prevedere per le difese avversarie che vanno fuori tempo e permettono l'anticipo degli
attaccanti, spesso sul primo palo.

 


Cross spioventi

 


Sono cross alti e lenti, perfetti per le torri che hanno la possibilità di prendere posizione per
prevalere nel gioco aereo.

 


Cross misti

 


Nient'altro che un mix delle tre tipologie appena descritte, molto a discrezione dell'abilità del
giocatore nel valore di decisione.

 

 

DRIBBLING

 


Il dribbling, così come la libertà di inventare del precedente paragrafo, può modificare in
parte le scelte fatte sulla trequarti e nella direzione dei passaggi. Di fatto si tratta di indicare
quanto i giocatori devono puntare l'uomo rispetto alla tattica di base.

 


Affrontate la difesa palla al piede

 


Selezionando questa istruzione i giocatori saranno portati a puntare molto di più i difensori
avversari, cercando il dribbling che permetta di creare superiorità numerica.
Sicuramente è un'istruzione che può portare benefici in termini di imprevedibilità della
manovra, ma al tempo stesso comporta i rischi che un dribbling mal riuscito può portare,
guardare la qualità dribbling dei vostri giocatori può fare la differenza nel scegliere o meno
questa opzione.

 


Dribbla di meno

 


All'opposto dell'istruzione appena descritta, con dribbla di meno i giocatori cercheranno il
passaggio piuttosto che tenere palla e tentare il dribbling. I benefici portati sono l'antitesi dei
precedenti ovviamente, meno rischi ma anche meno imprevedibilità nella manovra d'attacco.

 

 

LIBERTA' DI MOVIMENTO

 


Ultima istruzione, non per importanza, la libertà di movimento fa parte del gruppo di
istruzioni che vanno un po fuori dagli schemi, insieme alla libertà di inventare e al dribbling.

 


Mantenete le posizioni

 


Indica ai giocatori di attenersi al proprio ruolo e ai propri compiti, mantenendo ordine a
discapito di una costruzione fluida della manovra, ma rafforzando allo stesso tempo i ranghi
difensivi in caso di contropiede.

 


Libertà di movimento

 


Permette ai giocatori di muoversi liberamente alla ricerca di spazio dove farsi dare la palla,
lasciando la propria posizione di partenza a discapito dell'ordine tattico. La manovra risulterà
più fluida ma per sfruttare al meglio questa istruzione ai giocatori si richiedono buone qualità
mentali per mantenere l'equilibrio tattico.

 

Appendice abbinamenti – Libertà di movimento / Disposizione

 


L'ultima appendice di questa guida ci rimanda addirittura ad una delle primissime scelte
effettuate, ovvero la disposizione, da abbinare alle ultime istruzioni sulla libertà di movimento
appena descritte.

 


Combinazioni consigliate

 


Disposizioni fluide o molto fluide/Libertà di movimento

 


E' abbastanza logico, per concedere libertà di muoversi alla ricerca di spazi ai propri giocatori bisogna
sfruttare le disposizioni che ci permettono meno rigidità tattica. La disposizione fluida e molto fluida
rispondono a questa necessità ed insieme alla libertà di movimento possono rendere altamente
spettacolare la manovra.

 


Disposizioni strutturate o molto strutturate/Mantenete le posizioni

 


Sfruttare le disposizioni rigide come quelle strutturate in abbinamento al mantenere le posizioni rende
la squadra molto solida sotto il punto di vista difensivo. Può risultare un abbinamento molto utile
quando si allenano squadre sfavorite e tecnicamente deboli.

 

 

image.png

image.png

Share this post


Link to post
Share on other sites

CONCLUSIONE

 


Siamo giunti alla conclusione di questa guida dedicata a tutto il comparto delle istruzioni di
squadra. Come avrete notato Football Manager ci mette a disposizione tante istruzioni da
abbinare per creare moltissime combinazioni differenti, sta ad ogni manager virtuale
utilizzarle con sapienza sapendo leggere ogni situazione di gioco e conoscendo la propria
squadra. La speranza è che grazie a questa guida sappiate scegliere con più criterio e
maggiore consapevolezza ogni istruzione al fine di creare la tattica che avete sempre
immaginato nel vostro modo di intendere il calcio.
Ricordate di provare e sperimentare continuamente, portando con voi questo manuale se è
stato di vostro gradimento. Guardando spesso le partite in maniera ampia e dettagliata per
rendervi conto appieno delle sfumature di ogni istruzione.

 


Con le parole si può spiegare tanto ma poi l'esperienza nel gioco è sempre
quella che arricchisce di più!

 

Sperimentate, sperimentate e sperimentate!

 

Lo staff di FM.it

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now

Sign in to follow this