Search the Community

Showing results for tags 'fmlive'.



More search options

  • Search By Tags

    Type tags separated by commas.
  • Search By Author

Content Type


Forums

  • Reception
    • Presentazioni
    • Staff Room
    • Richieste Grafiche
  • Football Manager
    • Football Manager 2018
    • Laboratorio Tattico
    • FMStories
    • Scouting Area
    • Download
    • Football Manager: past editions
  • FMOnline
    • Selezioni
    • FMTournament
    • FMLive
    • FMLeague
    • FMRush
    • FMRanking
  • Live Community
    • Bar Sport
    • Fantacalcio 2017/18
    • Oltre il calcio
    • Just do it!
    • Off-Topic
  • FM.it Files
    • FM Old Edition
    • FMStories Old Edition
    • FM Blog Old Edition
    • Graphic Contests

Calendars

There are no results to display.

Categories

  • FM.it Appunti di Gioco
  • Step by step
  • FMStories Magazine
  • FMLive Magazine
  • Monday Bite
  • Talent Scout
  • Team Scouting
  • La Voce di FM.it
  • FM.it Guides
  • La Preview della A
  • #siamotuttiallenatori
  • Archivio
    • FM.it Inside
    • La penna del lettore
    • FM Online
    • FM World
    • football manager
    • Laboratorio Tattico
    • fm.it
    • In diretta da...
    • Alla scoperta del...
    • Vogliamo i nomi
    • league
    • Guide
    • Pillole di tattica
    • FM News
    • Futbol Cafe
    • fm tribe
    • FMOnline
    • Around The World

Categories

  • Football Manager 2018
    • Loghi
    • Database
    • Utility
    • Skins
    • Kits
    • Facepack
  • Football Manager 2017
    • Loghi
    • Database
    • Utility
    • Skins
    • Kits
    • Facepack
  • Football Manager 2016
    • Logos
    • Database
    • Utilities
    • Skin
    • Kits
    • Facepack

Blogs

  • FMLive Magazine

Found 5 results

  1. Si terrà domenica 28 agosto alle ore 15.00 presso il FMLive Stadium la dodicesima edizione della FMLSuperCup tra i campioni in carica della SuperLiga, il Chelsea e i detentori della FMLCup, i pluridecorati dell'Arsenal. Il mister @jefftribou va alla caccia della quarta supercoppa, mentre per @DavidsTheSpecialOne è la prima partecipazione. A chi andrà il primo titolo della nuova stagione?
  2. Siamo orgogliosi di presentarvi la prima e attesissima novità delle tante in arrivo per il nostro torneo: l'inaugurazione ufficiale dell'FMLive Magazine. Finalmente avremo uno spazio condiviso, dove potremo liberamente scrivere qualsiasi cosa riguardante le nostre squadre e sul nostro torneo preferito in generale: in poche parole, la nostra nuova casa. Per l'occasione abbiamo la prima di tante interviste che interesseranno direttamente noi giocatori del Live: quella fatta a Jeff nel pieno della stagione scorsa. Buona lettura, ora potete dare pure sfogo ai vostri commenti! --------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------- 1) Ciao Jeff, ti diamo il benvenuto nel nostro magazine. Abbiamo scelto di dedicare la nostra prima storica intervista a te e al tuo Arsenal che, senza togliere nulla a nessuno, è per storia e titoli vinti la squadra più rappresentativa del torneo. Siamo felicissimi di averti. Ti chiediamo allora di raccontarci la storia di FMLive per i più giovani che, come me, non possono conoscerla: come sono nate le prime squadre e come si sono formate? Cos'è poi successo nel corso degli anni? Grazie mille Dave, sono lusingato dalle tue parole. FMLive nasce nell’autunno del 2010 quando un gruppo di malati della modalità online di FM, che ogni giorno si affrontavano in tornei e carriere online private, decisero di provare a realizzare una carriera multiplayer. Quindi una volta create le 20 rose attraverso il meccanismo delle buste chiuse, queste vennero inserite in un database e poi fu creata una nuova partita (save) con FM11. Della vecchia guardia siamo rimasti in 3, io, Davide (mister del Chelsea) e Vincenzo, lo storico mister del Napoli, mentre tutto il contorno è cambiato e si è rafforzato col passare degli anni. Siamo partiti con un piccolo forum su forumfree per poi approdare su questo forum che ci ha accolto subito alla grande. 2) In che stagione abbiamo assistito a quello che tu reputi l'Arsenal più forte di sempre? Dopo i primi anni in cui non vinsi nulla arrivò il biennio FM14-15 in cui mi affermai 4 volte su altrettanti tentativi in campionato, periodo fortunato ma giocando un calcio d’attacco come piaceva a me. 3) In campionato (e non solo) sei partito benissimo. Chi è il rivale che più temi in questa stagione? Ci sono eventualità che ti preoccupano? Siamo partiti bene è vero, ma i rivali sono tanti, il Leeds di Carlo che quest’anno ha alzato ancora di più il livello della rosa per arrivare a quel titolo sfuggitogli negli ultimi anni, il campione uscente Dave con il River, un grande mister che ha dimostrato fin dal primo anno di che pasta è fatto. Ma tutti sono pericolosi ed esperti e saranno come ogni anno i playoff a sancire i migliori. 4) Siamo giunti alla natalizia pausa invernale. Terminata questa prima metà di Season 12, chi sono i 3 giocatori a cui metteresti sotto l'albero il regalo più grande? Facile dire Messi, il giocatore più forte di FM capace di risolverti le partite da solo, ma quest’anno anche Hazard è tornato sui suoi livelli, ma il più bel regalo lo farei sicuramente a Hector Bellerin, giovane terzino preso come scommessa e ora vero perno della squadra, tanto è che in 24 partite ha segnato 5 gol conditi da ben 14 assist. 5) In estate hai messo a segno colpi molto interessanti, sebbene la tua rosa fosse già ben più pronta rispetto ad altre. C'è una trattativa di quest'ultima sessione di mercato che ti soddisfa particolarmente? Come sempre il mio mercato è prevalentemente in prospettiva, ma quest’anno il vero colpo è stato arrivare a Sergi Busquets sacrificando due pedine che non erano più parte del progetto Gunners quali Carvajal e Javi Martinez. 6) La tua bacheca dei trofei parla per te. Senza false umiltà, quale reputi il tuo maggior punto di forza come manager di FMLive? Mi è sempre piaciuto creare tattiche offensive che esaltassero i miei attaccanti, preferisco infatti vincere 4-3 piuttosto che lottare per lo 0-0 e questo è quello che sempre si vede in campo. A volte questa mentalità ha dato i suoi frutti, a volte invece è stata controproducente, ma direi che in 12 edizioni non mi posso lamentare. 7) Ultimamente ti abbiamo visto rinnovare con intelligenza la rosa, fra l'altro hai portato a casa alcuni giovani top player. Quali dobbiamo tenere maggiormente d'occhio? E perché? Con una base ormai ben strutturata, normale che ogni anno i cambi da fare siano minimi. E come detto in precedenza punto a ringiovanire cercando quei giovani talenti che prima o poi spero possano fare il salto di qualità. A fine stagione arriveranno Xhaka, mediano svizzero comprato dai “veri” gunners e Ziyech, fantasista passato a fine mercato all’Ajax, giocatori già forti ma in rampa di lancio a livello internazionale, non saranno subito titolari ma col tempo potranno rivelarsi tali. Altro giocatore che aspetto con FM17 è Kantè, preso nel corso della stagione 11 quando ancora non era fortissimo, ora penso tutti sappiano il suo reale valore. 8) Ci hai gentilmente confessato chi ritieni degno rivale per questa stagione. Per quanto riguarda il futuro vedi qualcuno? Se sì, perché? Il Live è torneo che permette a chiunque di poter ambire al titolo, ma ci vuole pazienza e dedizione, soprattutto se si prende una squadra da rifondare. Tra le nuove leve vedo molto bene il tuo Bayern, ma con l’avvento di FM17 ci saranno ancora più allenatori in grado di lottare per il primo posto. 9) Visto il tempismo, questa domanda non poteva mancare. Proprio di recente hai ceduto Saúl riuscendo a portarti a casa due ottimi giovani talenti, Granit Xhaka e Hakim Ziyech: sappiamo che entrambi hanno già fatto vedere importanti qualità, nutri fiducia cieca nella consacrazione di entrambi? Li seguivo da parecchi anni, e ora che giocano in squadre blasonate, penso possano diventare giocatori affermati. 10) Nel tuo Arsenal, se ce ne sono, chi sono quei giocatori che non cederesti per alcuna ragione al mondo? In questo momento sicuramente tutti i giovani sono blindati, mentre per i big la porta è sempre aperta, ma solo in caso di offerte molto allettanti. 11) Usciamo dal torneo. Qualcuno già lo saprà, qualcuno no. La prima delle domande, la domanda per eccellenza che si fa quando si conosce qualcuno appassionato di calcio: qual'è la tua fede sportiva? Com'è nata? Cosa apprezzi particolarmente della tua squadra del cuore? La mia fede sportiva è bianconera, nata casualmente in quel di Milano dove sono nato. Beh faccio il tifo per una delle squadre più blasonate d’Italia e del mondo, peccato che a tante gioie in patria ne siano corrisposte poche in campo europeo, ma sogno prima o poi di poter vedere alzare quella benedetta coppa. 12) Domanda un po' particolare: quale pensi debba essere la prima qualità di una squadra? E di una società? Chiaro che le migliori società sono quelle che vincono tanto, ma ad esempio in Italia lo fanno prendendo giocatori maturi ma tralasciando i giovani. A me invece piacerebbe vedere una società che investe nel settore giovanile e con quegli stessi giocatori riesca a vincere trofei importanti, ne gioverebbe sia a livello economico che d’immagine. 13) Ti va di presentarci qualche giocatore adesso poco conosciuto, ma che per te è destinato a sfondare? Ho tanti giocatori nella mia under19 che possono fare bene, mi piacciono tutti, però solo alcuni esploderanno, e se devo fare una scommessa i miei soldi li punto su Nunnely e Dolberg dell’Ajax. 14) Nel calcio contemporaneo, quali sono per te in Italia e/o all'estero le società che stanno lavorando meglio? Vedi qualche novità nel prossimo futuro del calcio europeo? In Italia il progetto più interessante è quello del Sassuolo, che investe soprattutto in giocatori nostrani ed ogni anno alza l’asticella dei propri obbiettivi, credo che nel giro di 4-5 anni sarà stabilmente nelle zone alte del campionato. In Europa non posso che lodare il lavoro che dura da 20 anni di Arsenè Wenger, sicuramente avrebbe potuto vincere di più, però nel frattempo ha permesso all’Arsenal di crescere a livello economico esportando il proprio modello nel mondo. 15) Ultimamente si parla spesso dei procuratori, per alcuni un cancro del calcio per altri un esempio da seguire: qual'è il tuo punto di vista a riguardo? In Italia soprattuto, i procuratori sono l’anticalcio, a loro non interessa lo sviluppo della carriera di un giocatore, ma solo il risvolto economico, tanto che a volte propongono al giocatore contratti faraonici in squadre dove non avranno mai la possibilità di esprimersi ai propri livello, riempiendosi solamente le tasche. 16) Hai un tuo modulo/sistema di gioco prediletto o pensi che nel calcio il segreto stia nella versatilità? Come dicevo prima, mi piace giocare offensivo, e ho sempre apprezzato il 4231. 17) Hai qualche sogno nel cassetto per quanto riguarda il calcio? E' un mondo di cui ti piacerebbe far parte? Se sì, in che modo? In un certo senso sto già provando ad entrarci. Sono appassionato di scouting e analisi del match, e in tal senso vorrei partecipare ai prossimi corsi riconosciuti dalla federazione italiana. 18) Ti siamo grati per il tempo e la sincerità. In bocca al lupo con l'Arsenal e con la vita. Chiudi quest'intervista come preferisci, dicendo cosa vuoi, QUALUNQUE COSA ESSA SIA! Volevo ringraziare le persone che in questi 6 anni mi hanno aiutato a far crescere e conoscere il prodotto FMLive. E’ un vero piacere vedere la propria creatura apprezzata anche da altri, vuol dire che hai fatto un bel lavoro, con l’intento ogni anno di migliorarlo. ---------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
  3. Sono aperte da questo momento le selezioni esterne per SQUADRE DA DEFINIRE. Le selezioni sono relative alla nuova stagione che prenderà il via a Gennaio 2017 e che verrà giocata con Football Manager 2017. Il regolamento del torneo è visibile qui Possono iscriversi al torneo tutti gli utenti esterni senza scelte preferenziali. In base alle iscrizioni verrà scelta dallo staff la modalità di selezione. Iscrivetevi compilando il seguente modulo: Nickname: Contatto Skype: Esperienza Online: Vi ricordo che il torneo si svolge tutte le settimane in due sessioni serali (lunedì e giovedì dalle ore 21.30 alle ore 24). Le iscrizioni chiudono DOMENICA 27 NOVEMBRE alle ore 23.59
  4. Sono aperte da questo momento le selezioni ESTERNE per il Rapid Bucarest. Il regolamento del torneo è visionabile qui. Possono iscriversi tutti gli utenti esterni al torneo senza scelte preferenziali. Iscrivetevi compilando il seguente modulo: Nickname: Contatto Skype: Esperienze online: Le iscrizioni chiudono: Venerdì 28 Ottobre alle ore 23.59.
  5. FM.it Inside 28/06/16

    Torna a far parlare di sé all'interno di FM.it Inside il torneo FMLive, torneo che sta vivendo un grande periodo di rimodernamento grazie ad una serie di iniziative con lo scopo di valorizzarne ancor più le grandi qualità. Questa rivoluzione è solo all'inizio del suo processo, e porterà una ventata di freschezza ad uno dei tornei più storici (forse il più storico) del forum. L'11° Stagione del torneo si è chiusa in maniera pesantissima, con la vittoria in finale di SuperLiga del River Plate di @'Dave1990' sulla simpatica conferma Leeds di @'C4FM'. Dopo il pareggio dell'andata giocato in Inghilterra e terminato 1-1, in Argentina il River si è imposto per 3-1 ai danni di una buona ma sfortunata compagine inglese. Per la prima volta l'imbattibile Arsenal di @jefftribou è rimasto a secco, e la Stagione 12 si è aperta con l'attesissima sfida di SuperCup fra il River Plate, squadra vincitrice del campionato, e il Manchester United di @'Giospi', squadra che nell'Aprile della Stagione 11 aveva conquistato la Cup trionfando in finale contro l'Udinese dell'ex-manager @'raymond85', ora passata nelle mani della new entry @'giancarloaprile'. La cronaca della finale di SuperCup. E' una calda serata al Monumetal di Roma, dove nonostante i 31° sono presenti ben 67.000 spettatori. I volti dei giocatori rispecchiano perfettamente l'importanza della partita, una gara sempre amata dai fan che tornano, con l'apertura di stagione, a seguire lo sport del loro cuore. Queste le formazioni: River Plate (4-3-3): De Gea, Clyne, Kompany, Laporte, Alex Sandro, W. Carvalho, Kroos, Ramsey, Cuadrado, L. Suárez, Brahimi Manchester United (4-3-3): Valdés, D. Alves, Benatia, Riedewald, J. Angel, Pereyra, Modric, Di María, Isco, Cavani, Sterling Partenza incredibile del River: dopo soli 28 secondi un magnifico gesto tecnico di Kroos lancia Suárez a tu per tu con il portiere ma, il bomber uruguaiano, ipnotizzato dall'ottima uscita di Valdés, si fa prendere il tempo dall'estremo difensore avversario. Sospiro di sollievo per lo United, che rischia subito di andare sotto. Purtroppo, l'inizio di gara non è dei più positivi per i ragazzi di Giospi. Al 5° minuto, dopo un avvio di gara grandioso, il River trova il vantaggio: cross di Alex Sandro, Cuadrado sfugge alla rivedibile marcatura di José Angel e di sinistro la infila sotto la traversa. Prova a farsi sentire la compagine inglese un minuto più tardi, con un intraprendente Sterling che si accentra dal limite e tenta il tiro a giro: la conclusione è fuori, ma non di molto. Lo United prova a prendere l'iniziativa e aumenta i ritmi, trovando una grande occasione al 22° minuto: Sterling, innescato da un ottimo lancio di Di María, conclude clamorosamente fuori con il mancino: peccato, la rete era fattibile. Torna a farsi vedere il River dalle parti di Valdés al 29°: approfittando di un errore di reparto dello United, Cavani si ritrova a tu per tu contro il portiere avversario, concludendo però in maniera debole e centrale. Dopo una buona risposta a livello di gioco degli inglesi in seguito allo svantaggio, il River torna a crescere nella parte finale della prima frazione di gioco. La principale occasione è al 35° minuto, quando Cuadrado sfrutta un traversone perfetto di Kroos con un inserimento centrale: sfortunatamente, il suo colpo di testa va a sbattere contro la traversa. Nella ripresa, lo United entra in campo trasformato. Al 46°, su cross mancino di Di María, Raheem Sterling si esibisce in una spettacolare girata al volo "alla Pellé", con la palla che finisce inesorabilmente sotto l'incrocio: pareggio United. La vera doccia fredda per i campioni della SuperLiga arriva però pochi minuti più tardi, al 52°, quando la rimonta è servita: il solito Sterling, autore di una straordinaria gara, vola sulla fascia, mettendo dentro un cross perfetto per il solito Cavani che la spara addosso a De Gea. Lo spagnolo Isco, sfruttando la respinta del suo connazionale, punisce il River con un tiro da distanza ravvicinata: lo United passa così in vantaggio. Rabbiosa la reazione del River, che con il passare dei minuti guadagna terreno e crea pericoli via via maggiori. Al 63° minuto, José Angel si fa letteralmente rubare il pallone da un ottimo Cuadrado che, arrivato a tu per tu con Valdés, non riesce a indirizzare adeguatamente il tiro. Al 67° il solito Sterling prova a chiudere la partita, ma il suo tiro è centrale e viene prontamente respinto dallo spagnolo del River De Gea. Al 79° minuto succede qualcosa che era già nell'aria, vista l'imbarazzante partita disputata da José Angel: il terzino sinistro spagnolo, già ammonito, commette un'ingenua ostruzione su Cuadrado, ricevendo il secondo giallo e facendosi buttare fuori. Comincia il dominio River, minuti finali da incubo per lo United. All'87° doppio tentativo di Suarez che conclude ripetutamente sul primo palo, un attentissimo Valdés riesce a sventare la minaccia. Al 90° gran cross di Alex Sandro, ancora un grandissimo inserimento di Cuadrado, stavolta il suo colpo di testa sbatte sul palo. Disperazione River, che però trova la via del gol in pieno recupero. Proprio al 91° il subentrato Baldé Keita, sostituto di Brahimi, si accentra e da fuori area scocca uno straordinario destro parabolico implacabile nel sette. La palla si infila nella parte esterna della rete, un altro gol bellissimo dopo quello di Sterling nel corso della ripresa. Così, supplementari. In superiorità numerica, continua il dominio degli argentini. Il primo supplementare incomincia nello stesso modo in cui si era conclusa la ripresa, con una grande iniziativa di Ramsey al 90° terminata di pochissimo fuori. E' al minuto 100 che suona il requiem per lo United: traversone del solito Alex Sandro, il neo-entrato terzino sinistro Gibbs degli inglesi prova a chiudere sull'inserimento di Darder con scarsi risultati: è autogol. L'ultima occasione della gara è per l'audaca United che, nonostante l'uomo in meno, prova a riportare la gara in parità col fine di prolungarla ai rigori. Al 111° Laporte viene letteralmente saltato da Roberto Pereyra che clamorosamente, a tu per tu con il portiere avversario, non riesce ad angolare la conclusione. Termina ai supplementari per 3-2 in favore del River una gara mozzafiato, dove davvero entrambe le squadre avrebbero meritato di fare risultato: purtroppo, si sa, il calcio è crudele. I migliori: Cuadrado, Keita, Di María, Sterling, Kompany I peggiori: J. Angel, Cavani, Modric, Brahimi Le emozioni del calciomercato Questa sessione di mercato estiva, da subito, ci ha donato la sensazione di poterci dare grandi emozioni. Ogni cosa si è aperta con una mega trattativa fra Leeds e River Plate, proprio le due antagoniste della finale, che hanno in un vero e proprio colpo di scena messo sul piatto un incredibile scambio: nientemeno che Giorgio Chiellini e Claudio Marchisio sono passati a titolo definitivo ai whites inglesi, mentre al club di Buenos Aires sono arrivati William Carvalho, Marcelo Meli e Krystian Bielik. L'altro grande colpo del Leeds in apertura di mercato è quello targato Christian Eriksen, arrivato dal Bayern Monaco della new entry @'Dave Cillo'. I bavaresi si privano dunque del loro top player, ma arrivano in Germania Jamie Vardy, Corentin Tolisso, Breel Embolo (ceduto in inverno dagli stessi bavaresi) e una somma di denaro pari a 20 milioni di euro. Colpo importante in apertura è anche quello del Boca Juniors di @Ste_Bera, che si assicura il talentuoso Mati Fernández a parametro zero. Incredibili i colpi della Roma di @'Igghy lo Squalo', che con 22 milioni complessivi si assicura i giovani Renato Sanches e Alisson. Gran colpo in apertura è senz'altro pure quello del Chelsea di @'DavidsTheSpecialOne', che si porta a casa un top player del calibro di Zlatan Ibrahimovic a parametro zero, dal momento che il fuoriclasse svedese era in scadenza con i campioni del River. Altra trattativa importante dei primissimi giorni di questa intensa sessione estiva è stata quella che ha portato Daniel Didavi al Valencia di @'SirDerfel'. Oltre a Didavi agli spagnoli arrivano i promettenti Driussi e Kongolo mentre la squadra cedente, il Bayern, ottiene, in cambio del giocatore arrivato a Gennaio a parametro zero e dei due ragazzi, Asier Illaramendi e una cifra di denaro pari a circa 20 milioni. Altro approdo importantissimo è stato quello di un top player di centrocampo, Xabi Alonso, passato a parametro zero al Liverpool di @'Pacman'. Oltre questo colpo, al 1° Luglio il Liverpool ha acquistato per 37 milioni complessivi due giovani del Bayern, Maximilian Meyer e Daley Sinkgraven. Una cessione davvero degna di nota è stata quella dell'Inter di @'zizzi', che si priva di Danny Welbeck, passato al Man City per la cifra di 30 milioni di euro. Alla medesima cifra il bomber colombiano Jackson Martínez lascia il Bayern in direzione Chelsea. I giorni dal 2 al 9 Luglio portano, se possibile, notizie altrettanto incrediibili: il Leeds si accaparra il fortissimo incontrista brasiliano Casemiro spendendo una cifra di poco superiore ai 40 milioni, la storica bandiera dell'Arsenal Robin Van Persie passa al Boca Juniors per la cifra di 6 milioni, il River Plate versa i 65 milioni di euro della clausola rescissoria di Aymeric Laporte nelle casse dell'Udinese, Jamie Vardy viene acquistato dal Chelsea, mentre il Bayern ottiene in cambio Sergi Roberto, Geoffrey Kondogbia ed € 50.000.000, e lo stesso Bayern cede il suo altro top player, Ricardo Rodriguez, al Barcellona di @'Dodo2311'. I bavaresi ottengono in cambio Gylfi Sigurdsson, Hakim Ziyech, Andrea Belotti, Rolando Mandragora ed una somma di denaro fra i 5 e i 10 milioni di euro. I bavaresi cedono inoltre il loro terzino destro Erik Durm in uno scambio alla pari con il Borussia di @'Edstraker', ottenendo in cambio il giovane João Cancelo. Incredibile un altro colpo del Barcellona, che si assicura dalla Roma tre giocatori, Benzema, Witsel e Ter Stegen cedendone uno, ovvero James Rodriguez: il tempo dirà chi avrà avuto ragione. Da segnalare anche l'importante scambio alla pari fra Leeds e Inter: Ever Banega passa agli inglesi, Biglia ai nerazzurri. La settimana di mercato successiva si apre con un gran colpo dei pluricampioni dell'Arsenal, che con 23.5 milioni di euro si assicurano il giovane centrale di difesa Eric Bailly. Altri tre grandi colpi del River, che si assicura con circa 60 milioni complessivi Quincy Promes, Björn Engels e Jorge Meré. I bavaresi del Bayern Monaco acquistano invece Jack Butland per 18 milioni, Loris Karius per 5 milioni e Islam Slimani, Jozo Simunovic e Milot Rashica per € 2.000.000 l'uno. Lo scambio più importante di questa settimana è quello fra gli stessi bavaresi e l'Arsenal: in una trattativa alla pari Leon Goretzka sbarca in Germania, il giovane bomber olandese Richairo Zivkovic a Londra. Da tenere d'occhio è assolutamente l'acquisto di Emre Mor del Borussia, che strappa alla concorrenza il giovane talento con un solo milione di euro. Subito dopo, spicca un'importantissima trattativa fra Liverpool e Chelsea: una vera e propria bomba di mercato, e che stravolge la configurazione delle due rose. In uno scambio quattro per quattro, ai reds vanno Brandt, Draxler, Höwedes e Walker mentre ai blues Darmian, Icardi, Subotic e Lestienne. Siete ancora qui? Perché non siamo nemmeno a metà. La nuova settimana si apre con una serie di colpi incredibili: il River Plate, forte in quanto a denaro a causa dei trionfi ottenuti, si assicura il portentoso Fabinho per la cifra di € 54.000.000. Cesc Fàbregas passa dal Liverpool al Boca in cambio di Paco Alcácer, Stendera e 12 milioni, mentre Daniele Rugani passa al Bayern dall'Udinese in cambio di James Milner, Lucas Evangelista, Leandro Vega e Kévin Mendez. Da segnalare il colpo Raphael Guerreiro a 12 milioni dello scatenato River, André Silva per 35 milioni all'Arsenal, Rafa Silva per 20 milioni al Valencia, e un gruppo di ragazzi (William Furtado, Nico Elvedi, Florian Grillitsch, John Brooks, Josip Brekalo) al Bayern per circa 10 milioni complessivi. Gli stessi bavaresi cedono il giovane portiere Jeroen Zoet per 20 milioni allo United, mentre l'Inter scommette sul giovane polacco Ondrej Duda (6.5 milioni) e il Rapid Bucarest del neo-manager @'fuego-1984' battezza il cambio di proprietà con l'arrivo di Mario Rui al costo di 5 milioni di euro. Incredibile anche l'apertura della successiva settimana, con Sergio Busquets all'Arsenal in cambio di Javi Martinez e Dani Carvajal che passano al Barcellona e il Rapid Bucarest ancora protagonista in una mega trattativa con il Leeds: nientemeno che Douglas Costa, Juanfran e Bartra arrivano in Inghilterra mentre Leroy Sané, Nicolas Otamendi, Mateo Musacchio, Branislav Ivanovic e Antonio Candreva partono per la Romania. Protagonista anche l'Everton di @'Ferro40', che cede Seamus Coleman al Leeds ottenendo in cambio Nolito. Altri due colpi da citare sono quelli del Bayern, che acquista dall'Udinese il classe '92 Stefan de Vrij e il '97 Rúben Neves cedendo al club bianconero Illaramendi, Sokratis e 3 milioni. Altro importante scambio è quello che porta Grzegorz Krychowiak al River Plate e Jan Vertonghen all'Everton. Degni di nota altri colpi: Viktor Kovalenko all'Arsenal per € 37.000.000, Olivier Boscagli al River per € 2.000.000, Kelechi Iheanacho al Bayern per € 10.000.000 insieme ad altri ragazzi arrivati a costo zero, mentre Nemanja Matic firma anch'esso a parametro zero con il Liverpool. Non mancano i botti nella fase finale di mercato: il Leeds si assicura Kevin Gameiro per € 45.000.000 circa, il Rapid Bucarest cede allo United Luka Modric per 60 milioni, mentre il Bayern acquista Granit Xhaka dal Rapid Bucarest cedendo Immobile e Gabbiadini; nella trattativa i bavaresi ottengono inoltre 8 milioni di euro. Da segnalare molti altri acquisti di rilevante importanza: Cédric al Valencia in cambio di 11 milioni circa e Rocha al Southampton, Patrik Shick, Marko Rog, Kevin N'Koudou, Albert Gudmunsson, Andrei Ivan, Kieran Terney, Max Romero e Antonio Barreca al River Plate per 25 milioni complessivi, mentre al Bayern vanno i '94 Mitchell Weiser al costo di € 5.000.000, Victor Lindelöf al costo di € 2.000.000 e Yannick Gerhardt al costo di € 7.000.000, il '95 Thomas Lemar al costo di € 15.000.000, il '96 Wilfried Ndidi al costo di €2.000.000 e il '97 Leon Bailey al costo di € 10.000.000.